Coronavirus, due docenti positive in Campania: chiuse le scuole

Coronavirus, due docenti sono da poco risultate positive al tampone per il virus di origine cinese. Non certo una situazione semplice, e per questo sono state avviate delle procedure speciali.

Coronavirus
Coronavirus (Getty Images)

Ancora problemi in Campania a causa del coronavirus. La situazione non si sta semplificando, anzi, ogni ora il tutto diventa più intricato e difficile. Secondo le ultime notizie riportate da Repubblica, infatti, sarebbero ben 30 i casi di contagiati in Campania. Non solo, due di queste sarebbero due docenti, che potenzialmente potrebbero aver già sparso il virus a tutti i loro alunni. Una situazione molto complicata che ora le istituzioni dovranno curare e seguire con la massima attenzione se non si vuole diffondere il contagio ad altri cittadini della regione. Ricordiamo che entrambi i tamponi sono risultati positivi, ma deve ancora esserci la controprova dello Spallanzani per dare la matematica certezza. E’ anche vero, però, che per ora lo Spallanzani non ha confutato nessun tampone.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus, Macron sequestra le mascherine: “Le distribuiremo noi”

Coronavirus, due docenti positive in Campania: chiuse le scuole

Ad essere risultate positive sono state due docenti. La prima insegna ad Agropoli, Salerno. La professoressa di matematica 57enne era stata a Parma per le feste di carnevale, per stare con i genitori, ed in quell’occasione ha preso il coronavirus. La sua scuola è momentaneamente chiusa.

La seconda è una professoressa di Torre del Greco, che insegna alla Don Bosco. L’istituto è momentaneamente chiuso proprio in seguito a questa segnalazione di positività. Ora si attende soltanto la controprova dello Spallanzani, e poi si potrà procedere con le procedure mediche e di bonifica delle strutture scolastiche per riprendere normalmente l’attività nella regione colpita dal virus cinese.

LEGGI ANCHE —> Coronavirus a Roma: arrivano buone notizie dalla regione Lazio

Coronavirus
Ragazzi in mascherina nella metro (via Getty Images)