CONDIVIDI

Paradosso Coronavirus, la malattia è capace anche di far cancellare incontri pubblici che dovevano far parlare di quello. Succede a Vigevano.

coronavirus appuntamenti
Coronavirus, saltano tanti appuntamenti già programmati (Getty)

Paradossso Coronavirus, saltano tutte le manifestazioni nelle regioni più colpite. Con alcuni casi limite, come quello che doveva succedere a Vigevano e invece non sarà. Martedì 25 febbraio infatti era in programma un convegno aperto al pubblico nel teatro cittadino, tema portante proprio il Coronavirus.

Invece gli organizzatori hanno decisi di cancellarlo, in osservanza alle disopisizone emanate della Regione nelle ultime ore. Per il momento è stato rinviato a data da destinarsi, anche per evitare eventuali assembramenti di persone. Erano stati invitati Michele Brait, direttore generale dell’Asst di Pavia, ma anche specialisti come Marcello Tirani (malattie infettive dell’Ats di Pavia) e Raffaele Bruno, primario di Malattie infettive del Policlinico San Matteo.

C’è anche da dire che alcuni dei relatroi in queste ore sono direttamente interessati dal virus per il loro impegno in ospedale. Intanto però dopo che il convegno era stato spostato dall’aula consiliare del Comune al teatro Cagnoni, per favorire una maggiore partecipazione, ora arriva la cancellazione.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, rifiutati turisti lombardi e veneti in visita a Padre Pio

Il Coronavirus fa paura, annullato il Festival dell’Oriente e Genova

Coronavirus Italia
Emergenza Coronavirus: l’Italia cancella diversi eventi (Getty)

E non è tutto, perché a causa del Coronavirus è anche saltata la tappa del Festival dell’Oriente di Genova, programmata dal 6 all’8 Marzo prossimi. Gli organizzatori hanno tenuto dutro fino aoll’ultimo ma ora sono stati costretti a rinunciare. Improssibiole garantire l’ordine pubblico e la sicurezza dei visitatori, nponostante almeno per il momento la Liguria non sia interessata dai provvesimenti già emanati in altre regioni.

Gli organizzatori del festival avevano già eliminato, totalmente o parzialmente, dal programma ogni riferimento alla Cina. E avevano inserito nel programma più di 100 spettacoli, soprattutto di musica e danza. Come quelli in stile Bollywood, quelli con le ballerine di Danza del Ventre e molto altro. In tutto 300 gli stand partecipanti con 18 i paesi coinvolti, tra i quali Vietnam, India, Thailandia, Tibet, Giappone, Mongolia, Sri Lanka. Tutto rtimandato a tempi migliori.

 

Tutti gli aggiornamenti sul CORONAVIRUS sul nostro canale TELEGRAM >>> https://t.me/covid19LiveINEWS24