Coronavirus, le persone della zona rossa: “Serve l’esercito, noi abbandonati”

Coronavirus, grido disperato dei residenti attualmente bloccati nelle zone rosse. Molti sono senza mascherine e senza cibo e non possono recuperarne. La testimonianza. 

Coronavirus amuchina ricetta
Coronavirus, il dato che spiega la reale pericolosità (Foto: Getty)

Coronavirus, grido d’aiuto delle persone confinate nelle zone rosse e off-limits del Nord Italia. Lʼappello arriva in particolare da Fombio, uno dei paesi lodigiani attualmente in quarantena per l’emergenza nazionale.

Coronavirus
(via Getty Images)

Coronavirus, la voce di chi è bloccato nei punti rossi

“Oggi io e mio marito siamo andati al supermercato e il personale ci ha bloccato perché non non avevamo le mascherine, purtroppo le mascherine sono finite venerdì perché le persone hanno preso d’assalto le farmacie”, ha infatti raccontato una 32enne ai microfoni del Tgcom rappresentando tutti i cittadini.

Mancano di tutto nella località dato il panico e gli assalti ai market che hanno svuotato ogni punto vendita, e ora non vi è soluzione: “Ho bisogno di prendere i beni di prima necessità, come faccio?”, dice disperata la giovane di nome Laura. Sono completamente abbandonati a se stessi: “Nessuno ci dà delle indicazioni. Hanno lasciato i cittadini allo sbaraglio, non sono stati creati neanche dei punti di informazione, sto cercando di chiamare da ore i vari numeri d’emergenza e trovo sempre occupato, non risponde nessuno”.

Potrebbe interessarti anche —-> Si fingono operatori Croce Rossa: allarme truffa Coronavirus

La donna chiede disperatamente aiuto e necessita di un elemento tanto semplice quanto fondamentale: la mascherina. Urge un intervento superiore a suo avviso: “Fate intervenire l’esercito, che sicuramente è ponto per queste emergenze. A questo punto anche solo per distribuire le mascherine e permettere alla gente di prendersi qualcosa da mangiare.  A me sta bene fare la fila per il supermercato, per l’amor del cielo, perché tutti abbiamo paura e non possiamo affrontare 14 giorni di quarantena senza fare la spesa. Però ho bisogno della mascherina”.