Spese rimborsabili a causa del Coronavirus: annuncio di Codacons

La preoccupazione per il Coronavirus e le attività precauzionali stano bloccando le normali attività dei cittadini. Quali sono le spese rimborsabili

Ragazza cinese a Fiumicino
Ragazza cinese a Fiumicino (Getty Images)

Continuano ad arrivare notizie relative al Coronavirus. La terribile epidemia cinese sta mettendo a repentaglio le normali attività quotidiane della popolazione, che sta correndo al riparo per salvaguardare la propria salute e quella di chi gli sta intorno. Stessa cosa stanno mettendo in atto anche le principali aziende, sospendendo vari servizi, almeno per questa settimana. Scattate subito le lamentele da parte dei cittadini, soprattutto di coloro i quali avevano già – prima che scoppiasse il caso – acquistato biglietti ed effettuato spese, non consci di quello che sarebbe successo di lì a poco. Il Codacons ha voluto fare chiarezza, annunciando quali di queste spese saranno rimborsabili completamente e quali no.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Coronavirus, quinta vittima in Italia: 219 i contagi! – DIRETTA

Codacons, le spese rimborsabili a causa del Coronavirus

Volo Alitalia
Volo Alitalia (Getty Images)

Intervenuto sull’argomento, il presidente del Codacons Carlo Rienzi ha voluto rassicurare tutti coloro i quali, in questi giorni, si stanno lamentando delle sospensioni di molti dei servizi per i quali avevano pagato. Rienzi ha specificato infatti che “chiunque abbia effettuato spese per eventi poi annullati per tutelare dal Coronavirus, ha diritto al rimborso totale“. Lo stesso discorso vale per chi aveva effettuato spese di questo tipo in zone diverse da quelle soggette a sospensioni, ma sono comunque preoccupati riguardo all’epidemia e vorrebbero rinunciare agli acquisti effettuati. Ma come richiedere il rimborso? Il Codacons ha specificato che nella giornata di oggi pubblicherà, sul proprio sito web, il modulo da utilizzare per poter richiedere il rimborso delle spese effettuate.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus: il dato che spiega la sua reale pericolosità