Coronavirus, la prima speranza sul vaccino arriva dall’Australia

0

Coronavirus, la prima speranza arriva dagli studi di un’università australiana. Il vaccino non è ancora protno ma siamo vicini.

Coronavirus vaccino
Coronavirus, speranxza vaccino dall’Australia (Getty)

Coronavirus, la prima speranza reale arriva dai laboratori di ricerca australiani. Ormai è una corsa contro il temnpo, anche perché la doffusione della malattia è stata rapidissima. Ci hanno provato gli scienziati cinesi, che però al momento nonostante gli annuni non hanno ancora trovato un vaccino. In Australia invece pare che quedsto risultato sia molto vicino

Nella tarda serata di oggi infatti è arrivata la conferma che l’esito della sperimentazione in laboratorio del vaccino contro il Covid-19 è positiva. Non è ancora il passo decisivo per sconfiggere la minaccia, ma intanrto il team di ricercatori della Queensland University ha già pronto un prodotto. E nelle prossime lo testerà direttamente sugli animali per verificarne l’efficacia.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Coronavirus, vaccino in sperimentazione: iniettato ad alcune cavie

Coronavirus, le prime sperimentazioni sul vaccino hanno convinto

Coronavirus incubazione
Medici testano il primo vaccino contro il Coronavirus (Getty Images)

In effetti le prove di laboratorio e le conseguenti analisi sul vaccino contro il Coronavirus stanno andando avanti da tre settimane.  A confermarlo è Peter Høj, famoso buiochimico di orifine danese che è anche presidente da qualche anno dell’ateneo australiano. “Dobbiamo ancora portare avantoi diversi test per garantire che il vaccino-candidato sia sicuro e che crei un’efficace risposta immunitaria. Ma tecnologia e la dedizione dei nostri ricercatori stanno a testimoniaree che il primo ostacolo è stato superato”.

In effetti la Cepi (sigla che sta per Coalition for Epidemic Preparedness Innovations), cioé l’organizzazione internazionale che sorveglia la ricerca nei vaccini ha chiesto una mano all’Università del Queensland. Sarebbe l’unica in grado di produrre un vaccino efficace entro sei mesi, perché ha la tecnologia giusta per farlo.

I primi test hanno confermato ai ricercatori che la streada intrapresa è quella giusta. Ma saranno necessarie altre conferme importanti nelle prossime ore per dare delle risposte più chiare, anche se il tempo non gioca a fabore di una soluizione rapida.

Coronavirus studi vaccino
Gli studi sul coronavirus non si fermano (Websource)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui