Coronavirus, il 38enne italiano giocò a calcio sabato: è paura contagio

Paura contagio in Lombardia, il 38 enne contagiato da Coronavirus sabato è stato in contatto con diverse persone per una partita di calcio

Coronavirus

Ormai non ci sono più dubbi: il Coronavirus ha colpito anche l’Italia. Nella giornata di ieri, un uomo di 38 anni è stato ricoverato presso l’Ospedale di Codogno a Lodi e adesso le sue condizioni di salute sarebbero particolarmente gravi. Ma non è finita qui: il bollettino ufficiale sale attualmente a 6 contagi. Dopo il 38enne lombardo già ricoverato con moglie incinta e amico anche infetti, emergono nuovi tre casi certificati. Si tratta di persone che sono state in contatto con l’uomo in questi giorni.

La conferma ufficiale è arrivata da Giulio Gallera, assessore al Welfare della Regione Lombardia“Ora sono sei i casi positivi di coronavirus”, ha riferito il politico in conferenza stampa. Questi nuovi tre casi di Covid-19 si sono presentati spontaneamente in ospedale. Sono tutti in condizioni molto gravi con una forte infezione polmonare. Aumenta così l’allarme e circa 250 persone, in presunto contatto con l’uomo da cui è partito il tutto, sono in isolamento pronte a sottoporsi al test del coronavirus.

Le autorità regionali, inoltre, hanno invitato i cittadini di restare il più possibile nelle proprie abitazioni a scopo precauzionale. “In caso di sospetti, chiamare il 122. Del personale sanitario verrà a casa per un tampone di sicurezza”, ha riferito l’assessore Gallera.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE > > > Coronavirus, Sony e Facebook non parteciperanno ad importante evento

Coronavirus, si teme il peggio dopo aver ripercorso gli ultimi giorni del 38 enne

Medici di Wuhan

Per accertarsi che vengano contagiate quanto meno persone possibili, i medici stanno ricostruendo gli ultimi movimenti del 38 enne di Codogno positivo al Coronavirus. L’uomo ha disputato una partita di calcio con la sua squadra, Amatori Sabbioni, contro la Picchio Somaglia, sabato pomeriggio, poco prima di riscontrare i primi sintomi.

Con ogni probabilità tutte le persone in campo sabato pomeriggio saranno sottoposte a controlli di precauzione, non si esclude il contagio ed un’estensione dell’epidemia.