CONDIVIDI

Viterbo, blitz dei Carabinieri Nas che hanno segnalato 10 persone: queste, gestori e proprietari di locali turistici, omettevano il protocollo anti-legionellosi. 

Carabinieri Nas

NAS, controlli a tappeto nel territorio nostrano. Blitz a Torino, Ragusa e Viterbo nelle ultimissime ore. Si è trattato di una serie di verifiche che rientrano nella normale prassi relativa alla sicurezza alimentare, dalle quali però sono emerge verità piuttosto spiacevoli.

Nas Carabinieri

Viterbo, segnalate 10 persone dal Nas

A Viterbo, per esempio, nell’ambito di una serie di ispezioni che ha avuto riguardato in particolare diverse strutture turistiche laziali, sono state segnalate ben 10 persone alle ASL di Rieti e Viterbo. Motivo: non hanno applicato delle basilari regole di sicurezza con possibili gravi conseguenze.

Potrebbe interessarti anche —> Cibo pericoloso, sequestrate 7500 tonnellate di grano in Sicilia

Il provvedimento è stato emesso nei confronti di gestori e proprietari di diversi local. Questi, precisamente, avevano omesso il protocollo relativo alla prevenzione e al controllo del rischio di legionellosi. Si tratta di un’infezione polmonare causata da un batterio specifico, ovvero la Legionella pneumophila.

E’ presente soprattutto nell’acqua, che sia essa naturale o artificiale, ma può essere trasmesso anche via aerea. Se non curato adeguatamente, può causare gravi infezioni e anche la morte. Non uno scherzo dunque. Eppure c’è chi ha azzardato con grave negligenza.