Coronavirus, via allo sbarco dei non contagiati dalla Diamond Princess

Coronavirus, da domani chi non è contagiato potrà ufficialmente lasciare la Diamond Princess: lo ha annunciato Katsunobu Kato, ministro della salute giapponese.

Coronavirus

Coronavirus, via libera per molte delle persone attualmente bloccate sulla Diamond Princess. Le persone ufficialmente non contagiate, da domani, potranno presto lasciare la nave da crociera attualmente bloccata in Giappone.

coronavirus nave civitavecchia
(Foto: Getty)

Coronavirus, i non contagiati lasceranno la Diamond Princess

Lo ha riferito il ministro della Salute, Katsunobu Kato. Le persone che risulteranno negative al test del coronavirus, potranno sbarcare già domani attraversando poi un percorso di quarantena. A bordo sono attualmente presenti 3200 persone tra passeggeri e membri dell’equipaggio, 454 sono risultate positive e qualcuno è stato già prelevato via elicottero.

Tra questi c’è anche un italiano residente negli Stati Uniti con moglie statunitense. L’uomo è rientrato in America con gli altri 13 americani infettati. In totale erano 338 i passeggeri americani in crociera, molti dei quali sono stati messi in isolamento nelle basi militari in California e in Texas.

Domenica anche Luigi Di Mario, ministro degli affari esteri, ha comunicato un intervento per i nostri connazionali. Il politico, via Facebook, ha rassicurato con un aereo già pronto per gli italiani a bordo: “Buongiorno, dopo aver riportato Niccolò dalla sua famiglia, ci siamo messi subito al lavoro per i 35 italiani bloccati sulla nave da crociera Diamond Princess, in Giappone. Oggi posso dirvi che partirà un volo anche per loro, lo abbiamo deciso ieri insieme al commissario straordinario, Angelo Borrelli, e al Ministro della Salute, Roberto Speranza”. 

Potrebbe interessarti anche —> Coronavirus, la Cina toglie i dazi per le attrezzature mediche Usa

Di Mario poi conclude così: “Questa è l’Italia che non lascia mai soli i suoi connazionali. Siamo italiani, nessuno deve restare indietro, lo Stato c’è e non mancherà. Grazie a chi sta dando il massimo in queste ore, in patria e all’estero, per fornire il massimo supporto a chi ne ha bisogno”.