Coronavirus, sono 60 milioni i cittadini cinesi chiusi in casa

Secondo alcuni report cinesi, sono ben 60 milioni i cittadini chiusi in casa per evitare di contrarre il Coronavirus. Intanto crescono i contagi a Hubei.

Cina
Oltre 60 milioni di cinesi chiusi in casa (via Getty Images)

Continuano i ricoveri in ospedale a causa del Coronavirus. Secondo i report della televisione cinese, adesso sarebbero ben 40mila le persone ricoverate solamente negli ospedali della provincia di Hubei, nota purtroppo per essere il centro dell’epidemia.

Come rende noto il bollettino della commissione sanitaria della provincia, di questi 40mila oltre 1.700 versano in condizioni critiche, mentre altri 8mila sono gravi. Inoltre si continuano a registrare nuovi casi di contagio. Solamente nella giornata di ieri, infatti, si sono registrati 1.933 nuovi casi.

Solamente nella provincia di Hubei, adesso, sono 58mila i casi di Covid-19. Di questi 51mila, ben 41mila sono della città di Wuhan, definita oramai capitale dell’epidemia.

Coronavirus, il tentativo disperato per evitare il diffondersi dell’epidemia

 coronavirus
Il tentativo disperato per evitare la diffusione dell’epidemia (via Getty Images)

Così milioni di cittadini cinesi stanno cercando le più disparate soluzioni per evitare di contrarre il Covid-19. Così nella provincia di Hubei, che conta la bellezza di 60 milioni di abitanti, sono state introdotte alcune misure di sicurezza draconiane.

Infatti i governatori della provincia, hanno imposto ai propri cittadini di rimanere chiusi in casa, con la supervisione degli stessi cittadini ad ogni minimo movimento. Ma le misure di sicurezza non finiscono qua, infatti adesso è stato imposto il divieto di circolare a tutte le auto civili. Infine, sempre i governatori della provincia, hanno imposto una registrazione per tutti coloro che acquistano medicinali contro il raffreddore.

Intanto il numero di infezioni  salito a ben 70.548 casi, mentre il bilancio dei morti è arrivato a quota 1.770. A rendere noti questi dati ci hanno pensato le autorità sanitarie del paese cinese. Sempre le autorità sanitarie hanno confermato che nelle ultime 24 ore ci sarebbero stati 2.048 nuovi casi e 105 decessi.

Dati incoraggianti però arrivano rispetto al confronto con lo scorso sabato. Infatti sarebbe diminuito il numero di morti. D’altra parte, però, il numero delle infezioni sarebbe aumentato, da quando nella giornata di ieri la Commissione nazionale di Sanità aveva annunciato 2000 nuovi contagi.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulla Cronaca Estera, CLICCA QUI !