CONDIVIDI

I medici potranno lavorare fino a 70 anni: la decisione del governo in un emendamento al decreto Milleproroghe

Medici al lavoro fino a 70 anni
I medici potranno lavorare fino a 70 anni: la decisione del governo (Foto: Pixabay)

Nuova misura del governo per quanto riguarda il mondo della sanità. I medici potranno lavorare all’interno del servizio nazionale fino ai 70 anni, ovviamente attraverso una propria scelta. Dopo aver superato i 40 anni di attività, si potrà esercitare un’opzione volontaria per proseguire nel proprio lavoro fino al raggiungimento della settima decade d’età. Il governo Conte-bis ha varato la misura attraverso un emendamento al decreto Milleproroghe. Il testo è stato approvato dalle Commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera.

La misura arriva dopo che durante la discussione sul “Milleproroghe” era stata bocciata un’idea analoga, che predisponeva per i medici ospedalieri il raggiungimento dei 70 anni d’età in servizio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Malasanità, un caso sospetto a Bari: visitata per tre volte muore

I medici potranno lavorare fino a 70 anni: la decisione del governo

Medici fino a 70 anni
I medici potranno lavorare fino a 70 anni: la decisione del governo (Foto: Pixabay)

La decisione arriva per sopperire alla carenza di specialisti nel Servizio Nazionale Sanitario.

Il presidente della Regione Veneto Luca Zaia ha voluto commentare così la decisione del governo: “Si realizza finalmente una cosa per cui abbiamo condotto una lunga battaglia, in favore di tutto il sistema medico. In un momento storico come questo in cui mancano circa 56.000 professionisti all’interno dei nostri ospedali, di cui 1.300 solo nelle strutture venete, è fondamentale che un medico possa lavorare fino a settant’anni“.

Poi conclude: “Ovviamente tutto questo deve passare attraverso una decisione personale del professionista che può esercitare la propria volontà di proseguire nell’attività medica“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Brindisi, medici aggrediti durante un intervento da parenti di un malato