CONDIVIDI

I nuovi sondaggi politici danno la Lega in calo, mentre aumentano leggermente i consensi di PD e FdI. Ecco le intenzioni di voto degli italiani

sondaggi politici
Giorgia Meloni (Getty Images)

A poco più di tre settimane dal risultato elettorale di Calabria ed Emilia Romagna, continuano i sondaggi politici per tastare l’umore e le intenzioni di futuro voto del popolo italiano. L’istituto specializzato ‘Ixé‘ ha pubblicato le ultime rilevazioni statistiche, rese note nel programma di Rai 3 ‘Cartabianca‘ di martedì sera. Il primo dato che balza all’occhio è la conferma del trend negativo della Lega, che rimane ormai stabilmente al di sotto del 30% da dicembre. Il partito di Matteo Salvini è ancora il primo in Italia, ma al 28%.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Salvini, il ricordo delle Foibe: “Onore ai martiri dei comunisti”

Sondaggi politici: Lega in trend negativo, prendono quota PD e Fratelli d’Italia. Meloni sempre più amata

sondaggi politici
Giuseppe Conte e Matteo Salvini (Foto: Getty)

In leggero aumento le quotazioni del PD, che con il 20,1% e una crescita dello 0,3%, si conferma il secondo partito nazionale. La stessa quota che, al contrario, perde il Movimento 5 Stelle, che si assesta al 14,9% delle preferenze. In costante ascesa Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni, che raggiunge la soglia del 12,7%.

LEGGI ANCHE >>> Giorgia Meloni si scaglia contro l’Europa: accuse clamorose

Perde ancora consensi Forza Italia, scivolata fino al 6,7%, mentre è stazionaria la situazione di Italia Viva del leader Matteo Renzi, che resta al 3,2%. Per quanto riguarda il gradimento dei singoli personaggi politici, la Meloni conferma il trend positivo. La leader romana di FdI, con il 35%, si conferma al secondo posto, dietro di 3 punti percentuali rispetto al Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, ma stacca di un 4% il suo alleato di centrodestra Matteo Salvini. Il successo della Meloni, che ad oggi raddoppierebbe i voti rispetto alle elezioni europee del 2019, si spiega con il recupero di alcuni simpatizzanti di destra finora astenuti e con il “furto” di potenziali elettori alla Lega.