CONDIVIDI

L’Italia sta scomparendo: il calo demografico è inarrestabile. Sempre meno le nascite, che non compensano le morti: ecco il dato del 2019

italia calo demografico
L’Italia è uno dei Paesi più vecchi del mondo (Getty Images)

La popolazione italiana sta pian piano scomparendo. E’ questo il dato che emerge dal Report dell’Istat relativo agli indicatori demografici del 2019. Secondo il censimento, al 1° gennaio 2020 il numero dei cittadini residenti in Italia è sceso a 60 milioni e 317mila, un saldo negativo di 116mila unità rispetto allo scorso anno. Praticamente ogni 12 mesi, continuando con questa media, scompare una città di medie dimensioni (più o meno la popolazione di Trento, Forlì e Pescara, ad esempio). I numeri sono parzialmente attenuati dall’incremento di stranieri sul nostro territorio, 143mila in più.

LEGGI ANCHE >>> Istat, nascite in calo: l’Italia è tra i paesi più vecchi al mondo

L’Italia che scompare: ecco il dato preoccupante sul calo demografico

italia calo demografico
Sempre più persone si spostano dal Sud al nord Italia

Secondo i dati demografici dell’Istat il calo della popolazione proviene soprattutto dal Sud Italia, con una percentuale negativa del 6 per mille, mentre più attenuato è il dato del Centro (-2,2 per mille). Come in quasi tutte le statistiche economiche e sociali del nostro Paese, lo stivale appare spaccato in due. Al Nord, infatti, si registra un dato in controtendenza visto che c’è stato un incremento dell’ 1,4 per mille.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Istat, le donne e il Sud penalizzati: la busta paga non è equa

Lo sviluppo demografico più importante si è verificato in Lombardia (+ 3,4 per mille) ed Emilia Romagna (2,8), mentre a livello provinciale Trento (+5) e Bolzano (+3,6) sono state le più gettonate. Le regioni più abbandonate sono invece Molise e Basilicata, con tasso dell’1% in un solo anno. Numeri che spiegano come sia sempre più rilevante il fenomeno migratorio interno, con le persone che si spostano dal centro-sud verso le regioni più ricche del nord.

Istat, calo demografico preoccupante: il saldo è negativo

italia calo demografico
In Italia ci sono sempre meno nascite (Getty Images)

Nel 2019 sono state registrate soltanto 435mila nascite, a fonte di 647mila decessi, con il ricambio generazionale che appare sempre più complicato. Il dato è allarmante ed è il più basso mai verificatosi in Italia dal 1918 ed in continuo peggioramento. Se fino a 10 anni fa ogni 100 morti venivano compensate da 96 neonati, nel 2019 le nascite sono soltanto 67.