Coronavirus, l’esperto di bioterrorismo: “Creato in laboratorio, è un’arma”

Il coronavirus sarebbe un’arma creata ad hoc in un laboratorio: Francis Doyle, esperto statunitense di bioterrorismo, rilancia con una clamorosa versione. 

Coronavirus (Getty Images)

Il coronavirus sarebbe un’arma. Non una conseguenza dell’evoluzione, si tratterebbe piuttosto di un accurato lavoro da laboratorio con sede in Cina. A rilanciare la versione complottistica dell’emergenza questa volta non è il web o personaggi discutibili, bensì una figura autorevole e rispettavile. Ovvero Francis Doyle, esperto statunitense di bioterrorismo.

“Il Coronavirus è un’arma”: lo sostiene un esperto

Professore di diritto presso l’Università dell’Illinois, nel 1989 ha redatto il Biological Weapons Act: la legge sull’antiterrorismo per le armi biologiche. Adesso, mentre il mondo va in tilt dopo quest’emergenza globale, lancia pesanti accuse ai microfoni di Geopolitics and Empire. E lo fa mettendoci la faccia, ossia con un’intervista video e dunque non fraintendibile in qualche modo.

“Il coronavirus è una letale arma da guerra biologica creata in un laboratorio di Wuhan, l’Organizzazione mondiale della Sanità ne è già a conoscenza”, sostiene l’esperto. Doveva essere segreta, e invece è improvvisamente e misteriosamente “fuoriuscito da un laboratorio di massima sicurezza”.

Il tutto – sempre secondo lo specialista – sarebbe avvenuto in particolare presso il laboratorio BSL-4 di Wuhan, nonché anche centro di ricerca dell’Oms che quindi “non poteva non sapere”. Una volta compresa la gravità del danno, il Governo cinese avrebbe iniziato a coprire il caso e ad adottare misure drastiche per contenere l’epidemia.

Potrebbe interessarti anche —> Coronavirus, in quarantena un’intera nave da crociera in Giappone

La versione ufficiale vuole che il coronavirus si sia diffuso da un mercato del pesce di Wuhan. Una teoria, però, che non avrebbe convinto tutti gli esperti. Nei giorni scorsi la rivista The Lancet non solo ha rivelato che il primo caso di infezione sarebbe risalente al 1 dicembre, ma la persona coinvolta non sarebbe mai stata nella città dove tutto ha avuto inizio.