Giorgia Meloni shock: “Stalker minaccia me e mia figlia”

Confessione shock da parte di Giorgia Meloni: la leader di Fratelli d’Italia racconta la vicenda dello stalker che ha tormentato lei e la figlia

Giorgia Meloni stalker
Giorgia Meloni e il cantiere ancora aperto a Cesena (screenshot dal video)

Sono stati giorni frenetici quelli appena trascorsi per Giorgia Meloni, impegnata nella campagna elettorale per le elezioni regionali in Emilia-Romagna e in Campania. Terminato il caos del voto, la leader di ‘Fratelli d’Italia‘ si è dedicata alle questioni personali. La 43enne politica romana è parte civile in un processo che purtroppo la riguarda da vicino. La Meloni, infatti, ha raccontato di essere stata vittima di stalking da parte di un uomo, che le ha destato molta preoccupazione nei mesi scorsi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE>>> Meloni su Salvini: “Non avrei fatto il gesto del citofono

Giorgia Meloni, la confessione shock: “Vittima di stalking su Facebook”

Girogia Meloni stalker
Giorgia Meloni e Frtelli d’OItalia salgono nei consensi (Getty Images)

Una brutta vicenda per la Meloni, che dal punto di vista politico sta attraversando il periodo di massima popolarità e consenso, con il suo partito che ha aumentato i voti in tutta Italia. La leader di Fratelli d’Italia questa mattina si è presentata davanti al Tribunale di Roma e ha deposto la sua versione dei fatti ai giudici della Prima sezione penale. “Non dormo più la notte, sono molto preoccupata per me e per mia figlia di tre anni – ha raccontato la Meloni in tribunale – Sono spesso lontana da casa e leggo su Facebook minacce da quest’uomo, che io non ho mai visto né conosciuto“.

LEGGI ANCHE >>> Consigliere lascia la Meloni per imbarcarsi sulla Sea Watch

Lo stalker ha un nome e cognome: si chiama Raffaele Nugnes, campano della provincia di Caserta, che è stato arrestato dalla Digos lo scorso 31 luglio. Un sospiro di sollievo per l’ex Ministro della Gioventù ed ex vicepresidente della Camera dei deputati, che ha vissuto momenti di terrore: “Ho avuto grande paura per me e per mia figlia. Quest’uomo diceva che gliela avevo portata via, che la bambina era la sua e che prima o poi sarebbe venuto a Roma a riprendersela. La mia vita quotidiana è cambiata, mia sorella è stata ad accorgersi di questi messaggi su Facebook“.