CONDIVIDI

Brasile, allarme nello stato del Minas Gerais dove una sostanza tossica ha contaminato vari lotti di birra appartenenti a uno stessa azienda produttrice. Le conseguenze per alcuni sono state letali

E’ allarme in Brasile per la presenza in commercio di alcuni lotti di Birra contaminata, la cui assunzione può provocare conseguenze serissime. A rilanciare la notizia è stato il Food Safety Network, stando al quale il focolaio di avvelenamento è nello stato del Minas Gerais e riguarderebbe 10 diversi brand di birra (Belorizontina, Capixaba, Capitão Senra, Pele Vermelha, Fargo 46, Backer Pilsen, Brown, Backer D2, Corleone e Backer Trigo) appartenenti a un’unica azienda produttrice, la Becker.

I lotti “incriminati” sarebbero stati prodotti tra novembre e dicembre 2019. A contaminarli è stato il glicole dietilenico, una sostanza tossica per l’organismo umano. Il ceppo di contaminazione si è originato dall’acqua utilizzata per la produzione della bevanda.

Potrebbe interessarti >>> Caso di peste suina in Italia: sequestrata carne cinese

Birra avvelenata, vittime e intossicati

L’avvelenamento da Birra nel Minas Gerais ha già causato quattro morti accertati e 22 intossicati, alcuni dei quali ancora ricoverati sotto stretto controllo delle autorità sanitarie. I primi sospetti sulla contaminazione delle bevande erano emersi lo scorso dicembre quando un uomo si è presentato in ospedale con sintomi di avvelenamento.

Birra
Birra (da Pixabay)

Il glicole dietilenico, infatti, può causare una serie di disturbi (nausea, vomito, dolore addominale, insufficienza renale, problematiche neurologiche, convulsioni e offuscamento della vista) che, se non controllati o insorti in maniera improvvisa, possono causare anche la morte. I sintomi, generalmente, iniziano a manifestazione a circa 72 ore dall’assunzione del prodotto.

Le autorità sanitarie del Minas Gerais hanno subito provveduto al ritiro dei prodotti contaminati, invitando chi li possiede a non consumarli e a riportarli nei punti vendita. La raccomandazione, ulteriore, infatti è quella di non gettarli per evitare un’ulteriore contaminazione dell’ambiente. Al contempo è stato consigliato anche di non gettare la birra negli scarichi fognari domestici.

Leggi ancheSalute, i tifosi accaniti sono a più alto rischio di stress e infarto