Borgonzoni, bufera social per il saluto a Kobe Bryant – FOTO

Lucia Borgonzoni finita nella bufera per il post con cui ha salutato la morte di Kobe Bryant. Gaffe della candidata leghista in Emilia Romagna

borgonzoni kobe bryant
Il messaggio di Lucia Borgonzoni su Kobe Bryant (Screenshot da Twitter)

I seggi sono chiusi e tra qualche ora sapremo i risultati delle elezioni regionali in Emilia Romagna. Poco prima del termine ultimo per esprimere le preferenze è arrivata una notizia che ha scosso tutto il mondo, soprattutto quello sportivo, cioè la morte di Kobe Bryant. La stella del’NBA, da poco ritiratosi dal basket giocato, è deceduto dopo lo schianto fatale con il suo elicottero nei pressi di Los Angeles, in California.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Elezioni Emilia Romagna, nuovi exit poll: PD in netto vantaggio

Borgonzoni, bufera social per il saluto a Kobe Bryant: la gaffe della candidata leghista

Borgonzoni kobe bryant
Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni (Getty)

In un solo momento il mondo della politica e dello sport si sono uniti, per omaggiare e ricordare la scomparsa di un grande personaggio. Bryant, infatti, è molto amato in Italia perché da bambino ha vissuto qui, seguendo il padre Joe, ex giocatore di pallacanestro italiana. L’ex campione americano appena scomparso ha vissuto per qualche tempo anche a Reggio Emilia, perciò in qualche modo è rimasto nei cuori del popolo emiliano, che nel frattempo era alle prese con le ultime ore utili al voto.

LEGGI ANCHE >>> Nba in lutto, è morto Kobe Bryant

Tra i tanti saluti e messaggio di cordoglio per la morte di Kobe Bryant ce n’è stato soprattutto uno che ha suscitato molte polemiche. Lucia Borgonzoni, candidata leghista della coalizione di centrodestra, ha espresso il suo lutto tramite la pagina dei social “Lega – Salvini Premier“, commettendo però, a detta di molti, una gaffe. Nel messaggio infatti, oltre alle parole di cordoglio, sono ben visibili anche gli slogan elettorali, sotto forma di Hashtag “#26gennaiovotoLega” e “#Bergonzonipresidente“. Moltissime le persone indignate sui social, che hanno visto questo come un gesto di sciacallaggio per acquistare qualche voto in più in piena bagarre elettorale. Il post, forse non messo intenzionalmente ma sicuramente in modo improvvido, è stato cancellato dopo pochi minuti.