Stress da lavoro e attacchi di cuore: la scienza ci mette in guardia

Stress da lavoro e attacchi di cuore: la scienza ci mette in guardia sui problemi cardio-circolatori causati dalla troppa tensione nella vita quotidiana

Stress e problemi cardiaci
Stress da lavoro e attacchi di cuore: la scienza ci mette in guardia (Foto: Pixabay)

Lo stress sul lavoro è ampiamente diffuso e pesante da colpire persone di tutti i settori, livelli sociali e di reddito. E poiché gran parte della nostra vita è trascorsa al lavoro, lo stress da lavoro può riversarsi e creare problemi anche in altre aree della vita. L’ansia durante l’impiego può alla fine farti provare il burnout (ovvero l’esaurimento) o la depressione, specialmente se non sai come proteggerti dai potenziali effetti dello stress. Senza cambiamenti significativi, la tensione prolungata può persino causare seri problemi fisici come le malattie cardiache.

Esistono diversi tipi di stress che le persone sperimentano e ciascuna di esse influenza i soggetti in modo diverso. C’è l’eustress (ovvero lo stress positivo), il tipo di sensazione che si prova sulle montagne russe o che si scende da una pista da sci; è eccitante e corroborante. C’è anche uno stress acuto, che va e viene rapidamente. Questi tipi di stress non sono particolarmente dannosi in dosi gestibili, anche se troppo di entrambi può portare ad una sindrome cronica. Questa proviene da situazioni in cui la risposta allo stress viene innescata ripetutamente senza darti la possibilità di rilassarti e recuperare. Questo tipologia proviene spesso da relazioni conflittuali, programmi troppo intensi e lavori impegnativi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Virus Cina, analisi genetica: scoperta la provenienza

Stress sul lavoro e problemi cardiaci: la scienza ci mette in guardia

Malattia del cuore
Stress da lavoro e problemi cardiaci: la scienza ci mette in guardia (Foto: Pixabay)

Alcune fonti di stress lavorativo possono contribuire notevolmente allo stress cronico e al burnout:

Sforzo sul lavoro, minore indipendenza, basso supporto sociale, elevate esigenze psicologiche, squilibrio nella ricompensa dello sforzo e elevata insicurezza lavorativa possono portare a disturbi mentali molto pesanti. Da un recente studio americano, però, si è sottolineato come a soffrirne ancora di più sia proprio il nostro cuore. L’organo principale del nostro organismo può collassare in diversi modi se la tensione quotidiana non accenna a diminuire. Le principali displasie sono dal semplice attacco cardiaco, all’ictus, alle ischemie più o meno pesanti.
Questi fattori di stress lavorativo sembrano influenzare ugualmente uomini e donne di ogni età.

Per evitare che il nostro cuore subisca un danno permanente è importante prendere provvedimenti e prendersi cura di se stessi e del proprio corpo. Le seguenti strategie possono aiutarti a rimanere in salute e prevenire malattie:

  • stile di vita più organizzato
  • dormire a sufficienza
  • mangiare cibi nutrienti
  • mantenere una visione positiva della vita
  • non prendere troppo sul serio i problemi lavorativi
  • praticare della attività quotidiane per rilassarsi (sport o yoga)

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Medicina, che scoperta! Arriva la super cellula T, può sconfiggere i tumori