Medicina, che scoperta! Arriva la super cellula T, può sconfiggere i tumori

Grande scoperta nel mondo della Medicina. Arriva, infatti, la Super Cellula T, in grado di sconfiggere tutti i tumori uccidendoli.

Medicina
Arriva la super cellula T, può sconfiggere i tumori (via Getty Images)

Altra grande scoperta nel mondo della medicina, che torna a far sognare le future generazioni con armi globali anticancro, in grado di colpire e distruggere i tumori, non intaccando le cellule sane. Stiamo parlando di nuove cellule immunitarie che presentano un recettore, in grado di riconoscere le diverse cellule tumorali.

Così con la nuova scoperta da parte degli scienziati, si aprono nuove strade nella cura contro i tumori, con nuove forme di immunoterapia “globali”, ritenute impossibili prima di questa grade scoperta. Il tutto è stato riportato dalla rivista del settore Nature Immunology.

Infatti qui, i ricercatori, coordinati da Michael D. Crowther, John D. Phillips e Andrew K. Sewell, hanno individuato un nuovo tipo di cellule immunitarie grazie alla tecnica Crispr, in grado di tagliare il DNA. Così si è giunti alla scoperta secondo la quale, queste cellule appartengano alla famiglia dei linfociti T, conosciute anche come le cellule killer del sitema immunitario. Sulla loro superficie, si trova infatti un importante recettore chiamato Tcr (T-cell receptor).

Medicina, i vantacci del recettore T-cell

Medicina
I vantaggi dei recettori Tcr sulla cellula (via Pixabay)

Grazie alla presenza di questi recettori, la cellula T è in grado di riconoscere e distinguere, riconoscere sia le molecole presenti sulla superficie di molte cellule tumorali, sia quelle che si trovano sulle cellule sane. Riuscendo a distinguere queste due tipi di cellula, il recettore riuscirà a capire quale sia la cellula tumorale da quella sana, uccidendola.

Fino a questo momento, i recettori della Cellula T, riuscivano solamente a riconoscere le proteine chiamate Antigene leucocitario umano o Hla, ma non riuscivano a combattere l‘antigene Hla. Adesso invece, con il vantaggio dei nuovi leucociti T, si riconoscerà la proteina sosia dell’HLA, riconoscendola con la sigla Mr1. Proprio quest’ultima proteina, potrebbe diventare l’obiettivo numero uno per la immuno-terapia.

Secondo i primi esperimenti dei ricercatori, tali cellule T, sarebbero in grado di riconoscere ed uccidere i tumori di: polmoni, pelle, colon, seno, ossa, prostata, ovaie, reni e cervice uterina. Secondo le testimonianze dei ricercatori stessi, in tutte le prove sono riusciti a riconoscere le cellule tumori da quelle sane, attaccando esclusivamente loro.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato su Salute & Benessere, CLICCA QUI !