CONDIVIDI

Dal Giappone arrivano alcune anticipazioni sull’ultimo gioiello di casa Apple: l’iPhone 12

Dai colleghi giapponesi di Macotakara, arrivano alcune anticipazioni su quello che sarà il prossimo gioiello di casa Apple che dovrebbe essere presentato il prossimo settembre. I modelli dovrebbero essere 4: iPhone 12, 12 Max, 12 Pro12 Pro Max (nomi non confermati) che avranno rispettivamente 5,4, 6,1, 6,1 e 6,7 pollici.

La scocca degli smartphone sarà pressoché identica a quella dell’attuale modello, nonostante le prime indiscrezioni li volessero proiettati un po’ verso il passato. Per essere più precisi, inizialmente si parlava di uno stile squadrato che facesse pensare all’iPhone 4. L’altezza del 12 dovrebbe essere simile all’8 uscito nel 2017 (67.3 x 138.4 x 7.3 mm).

L’iPhone 12 Max ed il 12 Pro da 6,1 pollici avranno un’altezza che oscilla tra l’iPhone 11 (75.7 x 150.9 x 8.3 mm) e l’11 Pro Max (77.8 x 158 x 8.1 mm). L’iPhone 12 Pro Max da 6,7 pollici sarà molto più sottile del suo predecessore: 7,4 millimetri contro 8,1. Esso avrà un sensore fotocamera di dimensioni più grandi rispetto all’attuale modello.

iPhone, tutti i prodotti Apple in uscita nel 2020

Oltre al tanto atteso smartphone top di gamma Apple, nel 2020 sono attesi altri prodotti. Per quel che riguarda gli smartphone ci sarà l’iPhone 9, un modello più abbordabile economicamente simile all’8 ma con un processore A13 ed una scocca di 4,7 pollici. Il prezzo dovrebbe partire dai 400 euro.

Ad aprile-maggio potrebbero arrivare anche gli iPad Pro 2020 che, a parte la fotocamera posteriore, non vedranno particolare cambiamenti rispetto agli attuali modelli.

Attesi anche i nuovi MacBook Pro e MacBook Air da 16 pollici. Oltre al display più grande, avranno una tastiera con sistema a forbice.

Per chiudere invece il 2020 in bellezza, la Apple dovrebbe rilasciare Apple Watch Series 6 che potrebbe presentare lo stesso design dell’attuale modello con miglioramenti di prestazioni e permeabilità. Possibile anche l’arrivo di un modello rosso.

LEGGI ANCHE—> Google, l’evoluzione del ranking: cosa cambia col nuovo algoritmo