Capotreno aggredito a Como, il racconto: “Nessuno è intervenuto” 

Capotreno aggredito a Como, il racconto dei colleghi: “E’ sotto choc ma anche scioccata dall’indifferenza dei presenti”. Novità sulle indagini intanto. 

Dieci giorni di prognosi, con tanto di utilizzo del collare. E’ questo il referto medico per la capotreno aggredita ieri a Como, su un treno che viaggiava in direzione Milano. La donna, una 25enne, aveva invitato un uomo a scendere in assenza di biglietto mentre il mezzo entrava alla stazione di Seregno.

Da lì la follia: questo, in un immediato impeto di follia, l’ha colpita alle spalle con calci e pugni per poi scappare non appena si sono aperte le porte. Sulla vicenda indaga la Polizia ferroviaria, la quale avrebbe già identificato un sospetto.

Aggressione Capotreno a Como, il racconto

“E’ sotto choc, anche se quello che più l’ha colpita è il senso di indifferenza che ha percepito attorno a lei”, racconta un sindacalista della Cisl, anch’egli capotreno, ai microfoni del Corriere della Sera. Il quotidiano ha raccolto le voci di diverse persone vicine all’azienda o alla sfortunata protagonista. 

“È una persona determinata ma molto pacata e si propone sempre in modo gentile ai passeggeri – assicura Filippo Ghibaudi, segretario generale della Fit Cisl di Como e capotreno. Durante il servizio sul Como-Rho ha notato un passeggero che si era disteso, occupando diversi posti. Lo ha invitato a sedersi in modo corretto e poi gli ha chiesto il biglietto, che l’uomo non aveva”.

Potrebbe interessarti anche —> Azienda regala fino a 25 mila euro ai dipendenti: il motivo è fantastico

A quel punto – continua il sindacalista – gli ha chiesto di scendere alla stazione successiva, che sarebbe stata appunto quella di Seregno. Mentre il convoglio rallentava l’uomo l’ha aggredita senza che nessuno degli altri passeggeri pronti a scendere, che hanno quindi visto tutto, facesse nulla”.

La capotreno è stata poi portata in ospedale a Desio, dove le hanno dato appunto i 10 giorni di stop per riprendersi. Le forze dell’ordine, grazie alla testimonianza della vittima e ad alcune telecamere di sorveglianza, avrebbero individuato in un italiano di mezza età il responsabile di quest’aggressione. Ma le indagini sono ancora in corso.