CONDIVIDI

Tatiana ed Andra Bucci, superstiti della Shoah, riceveranno la Laurea Honoris Causa all’Università di Trieste il 24 gennaio prossimo

Shoah
Shoah

Il prossimo 24 gennaio prossimo, in vista dell’inaugurazione dell’Anno Accademico 19/20, all’Università di Trieste ci saranno anche Tatiana ed Andra Bucci. Sono due superstiti e testimoni attive della memoria dell’Olocausto che riceveranno la Laurea Honoris Causa in Diplomazia e Cooperazione Internazionale. Sarà presente il ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli.

Dopo il saluto e la relazione del rettore Roberto Di Lenarda si svolgerà la formula di rito di apertura dell’Anno Accademico. Successivamente ci saranno gli interventi del sindaco Dipiazza e del Presidente Regione Fvg Fedriga, il discorso del ministro Patuanelli per poi finire con la consegna della laurea. La ‘Lettura della Laudatio e della Motivazione’ da parte della professoressa di Diritto Internazionale e Direttore del dipartimento di Scienze Politiche e Sociali, Sara Tonolo aprirà la lectio magistralis di Andra e Tatiana Bucci “La nostra storia”.

Shoah, la storia in breve

L’Olocausto lo si identifica più correttamente con il termine Shoah che proviene dalla lingua ebraica. Esso indica il genocidio degli ebrei e di tutte le ‘razze’ inferiori avvenuto per mano della Germania nazista e degli alleati a partire dalla seconda metà del XX secolo. Per essere precisi, vittime dell’Olocausto furono, oltre gli ebrei, i prigionieri di guerra sovietici, oppositori politici, massoni, minoranze etniche, gruppi religiosi come testimoni di Geova e pentecostali, omosessuali e portatori di handicap. Tra il 1933 e il 1945 furono circa 16 milioni le vittime dell’Olocausto tra cui 5-6 milioni di ebrei.

I prigionieri, al loro arrivo nei lager nazisti, erano obbligati a indossare dei triangoli colorati sugli abiti che li identificavano per il tipo di ‘problema’:

  • Giallo e stella di David: ebrei.
  • Rosso: oppositori politici.
  • Verde: criminali comuni.
  • Viola: testimoni di Geova.
  • Blu: emigrati.
  • Marrone: zingari.
  • Nero: lesbiche, prostitute e malati di mente.
  • Rosa: uomini omosessuali.

LEGGI ANCHE—> I lavoratori italiani sono più i ignoranti d’Europa: la disarmante statistica