CONDIVIDI

A Palazzo Chigi si discute sul taglio al cuneo fiscale per le fasce reddituali fino a 40 mila euro: aumento del bonus Renzi

Cuneo fiscale
Cuneo fiscale

A Palazzo Chigi al momento è in corso l’incontro con i sindacati per parlare della proposta di riduzione delle tasse per i lavori con determinate fasce di reddito. Questo provvedimento dovrebbe interessare circa 16 milioni di persone. Il taglio del cuneo fiscale comprenderà, nel dettagli, le fasce reddituali fino a 40 mila euro. Il bonus Renzi invece, per i redditi fino a 28 mila euro, passerà da 80 a 100 euro. Dai 28 ai 35 mila euro resterà invariato, mentre oltre andrà ad azzerarsi.

La proposta di taglio del cuneo fiscale illustrata dal governo dovrebbe portare benefici per un massimo di 1200 euro l’anno per i redditi più bassi. Si scenderà poi gradualmente fino ai redditi di 39 mila euro che avranno benefici pari a 192 euro annui. Questo è quanto trapela dal documento messo sul tavolo di Palazzo Chigi. Chi ha redditi fino a 33 mila euro potrà sfiorare i 1.000 euro di benefici. Chi ne guadagna 37 mila avrà circa 576 euro l’anno in più.

Cuneo Fiscale, la soddisfazione di Conte e Gualtieri

sondaggi salvini meloni
Conte (Foto: Getty)

L’incontro è andato molto bene, c’è stata ampia convergenza sulla modalità con cui varare questo primo intervento importante a sostengo dei redditi da lavoro dipendente. Questo è il primo passo verso una più generale riforma fiscale”. Queste le parole del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri al termine dell’incontro. Ha poi sottolineato alcune specifiche: “Il tagli del cuneo sarà erogato ogni mese e partità dal primo luglio e consentirà di aumentare fino a 100 euro lo stipendio netto, estendendo la platea a più di 4 milioni di lavoratori”.

Ha fatto eco il premier Giuseppe Conte: “Nella legge di bilancio abbiamo destinato 3 miliardi di euro per il 2020, che crescono fino a 5 miliardi di euro a partire dal 2021, allo scopo di ridurre il cuneo fiscale interamente a beneficio dei lavoratori. A dispetto di quanto una certa propaganda ha sostenuto, questa misura è la prova che la nostra manovra economica riduce davvero le tasse per famiglie e lavoratori”. 

LEGGI ANCHE—> Pagamenti in contanti, dal 2020 la soglia cala: occhio alle multe