Usa Cina, storico accordo sui Dazi: Trump può esultare

Usa Cina, storico accordo sui Dazi: Trump stringe la mano del vice premier Liu He e può esultare

Accordo Usa Cina
Usa Cina, storico accordo sui Dazi: Trump può esultare (Foto: Getty)

Nella giornata di mercoledì gli Stati Uniti e la Cina hanno siglato un accordo che chiude il primo capitolo della dannosa guerra dei dazi. La battaglia commerciale aveva visto le due super potenze mondiali sfidarsi duramente per quasi due anni. L’accordo apre il mercato cinese a un numero maggiore di società statunitensi. In particolar modo nel settore finanziario, rappresenta un aumento delle esportazioni di prodotti agricoli statunitensi e contiene impegni per il rispetto della proprietà intellettuale. Mantiene altresì tariffe sui prodotti cinesi per un valore di 360.000 milioni di dollari.

Una parte rimangono in vigore, ha spiegato Donald Trump durante la cerimonia della firma alla Casa Bianca, in modo che gli Stati Uniti possano avere “uno strumento di negoziazione”. Infatti è prevista una seconda fase dell’accordo, di cui il presidente Usa si occuperà immediatamente.

L’accordo, di 86 pagine nella sua versione inglese, mette fine a due anni di dure trattative, a seguito dell’offensiva del presidente americano. Trump ha stretto la mano al vice primo ministro cinese, Liu He, mostrandosi molto felice per l’intesa raggiunta. L’accordo consentirà a Trump di vendere una vittoria in una battaglia che ha pesato sul suo primo mandato, e ha rappresentato la sua grande crociata. Ma i suoi critici sono pronti a sottolineare il danno economico causato dalla lunga disputa e il fatto che i fronti più difficili rimangono irrisolti.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Nasa e Noaa, caldo record negli ultimi 5 anni: mai così dal 1880

Usa Cina, storico accordo sui Dazi: Trump può esultare

Accordo Usa Cina
Usa Cina, storico accordo sui Dazi: Trump può esultare dopo la stretta di mano con Liu He (Foto: Getty)

La Cina spenderà oltre 200.000 milioni di dollari nei prossimi due anni in prodotti statunitensi“, ha dichiarato Trump. Il presidente degli Stati Uniti ha anche messo in evidenza i progressi nella protezione della proprietà intellettuale e le “forti restrizioni agli standard di svalutazione della moneta“.

L’intesa, tuttavia, ha una portata limitata e prevede una fondamentale seconda parte. Secondo Trump sarà l’ultima, ponendo definitivamente fine alle tensioni Usa-Cina. Qualsiasi impegno da parte della Cina a correggere la sua politica di sussidi a sostegno delle sue industrie strategiche, che mina la concorrenza, non è nei patti. Anche l’impegno di Pechino per una maggiore trasparenza nella gestione dei dati e nella sicurezza informatica non è stato raggiunto. Ci saranno ancora 360 miliardi di dollari di tariffe sui prodotti cinesi, ma gli Stati Uniti accettano di toglierli se la Cina adempirà ai propri impegni.

Tutto ciò non ha impedito a Trump di parlare del “più grande affare che chiunque abbia mai visto“. “Insieme stiamo correggendo gli errori del passato e fornendo un futuro di giustizia e sicurezza economica per i lavoratori, gli agricoltori e le famiglie americane“, ha affermato il presidente. Successivamente, il vice premier cinese ha letto una lettera del presidente Xi Jinping e ha promesso che Pechino “onorerà rigorosamente l’accordo“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Trump: “Pronti ad attaccare l’Iran”, ma la Camera gli limita i poteri