Repubblica, allarme bomba in redazione: aggiornamenti sospesi

Nella redazione di ‘Repubblica’ a Roma c’è stato un allarme bomba: sospesi tutti gli aggiornamenti del giornale. Le ultime

La Repubblica allarme bomba
La Repubblica (Getty Images)

Attimi di terrore nella redazione di Roma del quotidiano ‘La Repubblica‘, dove è stato lanciato un allarme bomba. Il sito ha dovuto sospendere momentaneamente tutti gli aggiornamenti. Il palazzo è stato evacuato. Vi terremo aggiornati sul fatto appena si avranno maggiori informazioni.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Foggia, bomba distrugge auto di un ex calciatore

Secondo le agenzie di stampa qualche minuto sarebbe arrivata una chiamata anonima presso la sede del quotidiano, in Via Cristoforo Colombo. Sul posto sono arrivati gli artificieri dei carabinieri e dei vigili del fuoco e le persone che erano all’interno dell’edificio sono state fatte uscire con urgenza.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Pacco bomba al Viminale: paura per il ministro

Repubblica, allarme bomba in redazione a Roma: tutte le ultime

La Repubblica allarme bomba
La Repubblica (Getty Images)

Come riportato in un post sui social da parte di Repubblica, l’allarme bomba sembrerebbe rientrato. Le forze dell’ordine, infatti, hanno perquisito tutto l’edificio e i controlli hanno riscontrato esito negativo. Intorno alle 19.45 i giornalisti e i dipendenti del quotidiano e delle altre testate del Gruppo Gedi sono stati fatti rientrare nel palazzo. E’ stato pubblicato anche un video dove si vedono molte persone ai piedi dell’edificio, comprese quelle evacuate in precedenza, con l’automezzo dei vigili del fuoco in azione, ma il clima appariva già abbastanza tranquillo. Tutto rientrato, dunque, nessun pericolo ma solo un brutto spavento.

Ecco il comunica del Comitato di redazione di Repubblica: “La sede centrale è stata evacuata per un allarme bomba, scattato dopo una telefonata al centralino del nostro quotidiano, fortunatamente rivelatosi infondato. I lettori sappiano che nessuna intimidazione cambierà il nostro modo di fare informazione libera e indipendente”.