CONDIVIDI

Massimo Giletti si è scagliato contro Marco Polimeni durante l’ultima puntata di Non è l’Arena

Massimo Giletti
Massimo Giletti

Il conduttore Massimo Giletti, nell’ultima puntata della trasmissione Non è l’Arena di domenica 12 gennaio, si è scagliato contro Marco Polimeni nel corso di un dibattito sull’inchiesta che vede 29 consiglieri di Catanzaro su 32 indagati per finti rimborsi e commissioni. Il presidente del Consiglio comunale di Catanzaro non è sotto indagine, ma ha difeso i suoi colleghi ed ha accusato la trasmissione di voler nuocere alla regione calabrese.

Massimo Giletti, la lite furiosa con Marco Polimeni

Ad un certo punto il presidente Polimeni, guardando altrove rispetto alla telecamera, ha detto: “Per me non c’è migliore esempio, per un giovane calabrese, del procuratore Nicola Gratteri”. 

E’ qui che Giletti s’infuria: “Chi gliel’ha detto? Ha guardato a destra, fuori dalle telecamere e qualcuno gliel’ha suggerito. Io questo non lo accetto. Non esce da lei ed mi sono rotto di questo tipo di politica. Lei deve chiedere scusa, chieda scusa a Gratteri. Gliel’hanno suggerito, si vergogni. Io non sono un cogl**ne, ha capito? Prima di parlare di Gratteri pulitevi la bocca”.

Polimeni ha negato di aver ricevuto suggerimenti da qualcuno chiarendo che un membro della troupe gli avrebbe chiesto un cambio di inquadratura: “Giletti non dica parolacce in televisione che dà cattivi esempi. Lei voleva fare questa trasmissione per screditare la nostra terra”.

Di nuovo Giletti: “No, io scredito persone come voi. Voi non andate in commissioni, prendete i soldi. E lei dice che non ha mai visto niente”.

Infine Polimeni ha minacciato di voler querelare il presentatore: “Lei si vuole sostituire alla magistratura. Lei ha detto “prendete i soldi” e domani riceverà la mia querela. Lei è un valente giornalista ma non è un giurista”.

Giletti, però, senza timore ha replicato: “Se ha il coraggio faccia vedere chi le ha suggerito”. C’è stata poi la pubblicità che avrebbe ripristinato i toni tra i due.

LEGGI ANCHE—> Salvini condannato per razzismo: spunta una vicenda del 2009