VAR cambia tutto, la nuova regola sul fuorigioco

VAR, arrivano importanti novità sull’utilizzo della moviola per le situazioni dubbie sul fuorigioco

Var, come funziona
VAR, nuove regole su fuorigioco (foto Getty)

VAR, chi la apprezza e chi la detesta. Una dicotomia quasi insanabile quella di appassionati e addetti ai lavori per il supporto tecnologico che da due stagioni supporta arbitri e guardialinee.

Oltre a falli da rigore, provvedimenti disciplinari e protocolli sull’utilizzo dello strumento, a far discutere sono le decisioni sui gol annullati per fuorigioco dubbio o millimetrico. Una vera e propria “condanna” per chi segna e chi ha già esultato che, ora, l’IFAB, ovvero l’ente che decide cambiamenti e applicazione delle regole calcistiche a livello internazionale, vuole cambiare in maniera più permissiva.

Potrebbe interessarti >>> VAR, il regolamento: quando e come va utilizzato

Cosa può cambiare

L’indiscrezione sul possibile cambiamento della regola è stata rilanciata da Repubblica, stando alla quale l’IFAB avrebbe già avvisato le varie federazioni. In pratica, per i casi limite in situazioni di possibile fuorigioco (per intenderci il gol annullato a Cristiano Ronaldo in Parma-Juve o la rete concessa a Lukaku in Inter-Parma), viene concessa di nuovo discrezionalità alla terna arbitrale sulla decisione da prendere ovvero se annullare o meno il gol appena segnato.

E’ stato lo stesso segretario generale Ifab, Lukas Brad a spiegare i motivi della possibile novità. “Un fuorigioco di un millimetro – commenta Brud – è fuorigioco di regola ma se per decretarlo servono 12 telecamere, è chiaro che non si tratta di un errore evidente.

La novità dovrebbe entrare in vigore gradualmente e non in tempi brevissimi per la Serie A e gli altri campionati europei più importanti. Possibile una sperimentazione a partire dagli ottavi di finale di Champions League in programma tra febbraio e marzo 2020.

Ci sono, tuttavia, ancora degli importanti aspetti da precisare inerenti ad esempio quale sarà o dovrebbe essere la soglia di tolleranza per decretare o meno l’eventuale decisione. Insomma, un’apertura in senso migliorativo ma destinata – ne siamo certi – a far discutere anche stavolta. E’ il calcio, signori, prendere o lasciare …

Leggi anche Ibrahimovic si presenta: “Sono pronto e cattivo, voglio giocare subito”