Salvini non ci sta: “245 milioni di Cristiani perseguitati, una strage incredibile”

Altro duro sfogo di Matteo Salvini su Facebook. Il leader del Carroccio, ha infatti difeso il mondo cristiano, con un post sul suo profilo social

Salvini
Matteo Salvini difende il mondo Cristiano su Instagram (via Getty Images)

Dopo lo sfottò al Papa, con annesse scuse per il video frainteso, Matteo Salvini torna a far parlare di sè. Nel mirino del leader del Carroccio, adesso, ci finisce chi ogni giorno non denuncia il mondo cristiano perseguitato in alcuni paesi.

Secondo il numero uno della Lega, il silenzio dei media non rende giustizia a ciò che accade nel mondo. E così, ancora una volta, il principale esponente del centro-destra ha usato il suo profilo Facebook per esprimere il suo dissenso. Andiamo a vedere il contenuto del post del leader della Lega.

Salvini: “Una strage incredibile, nel silenzio di TV e giornali”

Salvini
Il leader della Lega si sfoga su Facebook (via Getty Images)

Così poche ore fa, il numero uno del Carroccio è tornato a far parlare di sè, grazie ad un post su Facebook. Un post breve, ma diretto e che punta il dito contro il mondo dei media.

Salvini inizia il suo sfogo affermando: “245 milioni di Cristiani perseguitati nel mondo, 73 Paesi che perseguitano chi si professa Cristiano, 4.305 donne e uomini uccisi nel 2018 solo perché Cristiani“.

Per il leader della Lega una strage incredibile nel silenzio di Tv e giornali. Il numero uno delo Carroccio ha infatti concluso il suo post, con una denuncia ed un messaggio di speranza: “Una strage incredibile, nel silenzio di tutti i giornali e le tivù, o quasi. Che il 2020 porti nel mondo pace, tolleranza, reciprocità e rispetto“.

Insomma un altro duro sfogo di Matteo Salvini, che ancora una volta, sembra aver trovato l’appoggio dei suoi sostenitori.

245 milioni di Cristiani perseguitati nel mondo, 73 Paesi che perseguitano chi si professa Cristiano, 4.305 donne e…

Pubblicato da Matteo Salvini su Giovedì 2 gennaio 2020

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sulla Politica Italiana, CLICCA QUI !