Checco Zalone è nella storia del cinema: incassi da record per Tolo Tolo

Prima giornata da record per Tolo Tolo. Il nuovo film di Checco Zalone, ha messo a segno il record italiano di incassi in un giorno

Checco Zalone
Checco Zalone nel videoclip “Immigrato” (via Screenshot)

Luca Medici, in arte Checco Zalone, è la vera sorpresa del 2020. No, non è una novità che il suo film è campione di incassi, la vera novità è il nuovo Checco visto al cinema.

Per la prima volta l’attore, ed adesso regista barese, si è avventurato in una prodigiosa sfida, abbandonando il personaggio ignorante fatto apposta per far ridere il pubblico.

Tolo Tolo, infatti, è un film che fa ridere ma a denti stretti, e che fa principalmente pensare. L’opera di Zalone mette in faccia all’italiano la cruda verità, rappresentata dal tema del “grande viaggio“. Per questo alla visione del film il pubblico, quasi come se fosse minacciato, fa fatica a ridere a crepapelle, al massimo riesce a sorridere amaramente.

Ma nonostante il tema forte, Tolo Tolo ha comunque convinto gli amanti del cinema, facendo registrare un incasso da record per il primo giorno di proiezione.

Checco Zalone da record: 8,7 milioni di incassi in un giorno

Checco Zalone
Una scena del film Tolo Tolo (Via Instagram)

Così con il suo nuovo film, Checco Zalone batte se stesso. La pellicola prodotta dalla Taodue e distribuita da Medusa, al primo giorno di proiezione ha toccato quota 8,7 milioni di incassi.

Sale gremite, e sold out in quasi tutti i cinema italiani, andando a segnare il record di sempre per incassi al primo giorno. Come anticipato, Checco batte se stesso. Infatti scende al secondo posto, con 7.341.414 euro di incassi, “Quo Vado“.

A commentare soddisfatto l’ennesimo risultato positivo di Zalone, ci ha pensato Pietro Valsecchi. Il regista di Crema ha infatti sottolineato: “Checco Zalone ha riunito gli italiani dentro le sale cinematografiche“.

Valsecchi ha poi risaltato la scommessa vinta di un Checco da regista, che ha portato nelle sale italiane un film crudo, vero, ricco di spunti di riflessione.

Lo stesso regista ha poi concluso: “Il nuovo decennio inizia bene per il cinema italiano grazie a questa iniezione di fiducia e di incassi che ricadono su tutto il sistema cinematografico“.

Insomma un Luca Medici che da regista incrementa ulteriormente la popolarità del suo Checco, e che parallelamente, fa del bene a tutta l’industria cinematografica italiana.

L.P.

Per rimanere sempre aggiornato sul mondo dello Spettacolo, CLICCA QUI !