Medjugorje, il messaggio del 2 dicembre 2020: “Vivere l’amore misericordioso”  

Medjugorje, il messaggio del 2 dicembre 2020. Essere misericordioso nei fatti e amare il prossimo come il Signore ci ha insegnato. Ecco il messaggio lasciato alla veggente. 

Medjugorje
Medjugorje (Getty Images)

Emozioni a Medjugorje, perché anche questa volta si è compiuto il miracolo. La Madonna è infatti apparsa attorno alle 08.35 davanti ai tantissimi fedeli presenti, lasciando un messaggio ben distinto alla veggente presente.

Essere misericordiosi nei fatti. E’ stato questo l’invito della mamma celeste a tutti noi. E amare il prossimo, perché resta sempre questo il dono più gradito al nostro Signore.

Medjugorje
Medjugorje (Getty Images)

Medjugorje: il messaggio del 2 gennaio 2020

Ecco il messaggio donato dal Cielo e portato in consegna dalla sensitiva: “Cari figli, so di essere presente nelle vostre vite e nei vostri cuori. Sento il vostro amore. Sento le vostre preghiere e le porto a mio Figlio. Però, figli miei, desidero essere, con amore materno, nelle vite di tutti i miei figli. Desidero raccogliere tutti i miei figli attorno a me, sotto il mio manto materno. Per questo vi chiamo apostoli del mio amore e vi chiedo di aiutarmi.

Mai smettere di pregare e purificarsi: “Figli miei, mio Figlio ha pronunciato le parole “Padre Nostro” e “Padre Nostro che sei onnipresente e nei nostri cuori” perché desidera insegnarvi a pregare con le parole e i sentimenti. Desidera che migliorate sempre, che viviate l’amore misericordioso, che è preghiera e sacrificio infinito per altri”.

Amare il prossimo incondizionatamente. La vita ridarà tutto ciò che doniamo: “Figli miei, date a mio Figlio l’amore per il prossimo, date parole di consolazione, compassione e detti di bontà al prossimo. Tutto ciò che donate al prossimo, apostoli del mio amore, mio Figlio lo accoglie come dono ed io sono con voi, perché mio Figlio desidera che il mio amore, come fascio di luce, ravviva le anime affinché vi aiuti nella ricerca della pace e della felicità eterna”.

Infine: “Per questo, figli miei, amate gli uni e gli altri, siate uniti in mio Figlio, siate figli del Signore, tutti insieme con cuori aperti e puri pronunciate il Padre Nostro e non abbiate paura. Vi ringrazio”.