Capodanno, come proteggere gli animali dai botti. A Pisa vanno oltre

0

Capodanno, la protezione degli animali domestici dai rischi dei botti diventa fondamentale. Molti comuni italiani hanno adottato regole drastiche.

Fuochi d'artificio animali divieti
Fuochi d’artificio e animali, molti comuni preferiscono vietarli (Getty Images

Capodanno, come proteggere gli animali domestici dai botti e dai possibili danni provocati? Un problema che si ripropone puntuale tutti gli anni, ma ora ci sono comuni che hanno deciso di passare all’azione. Come quello di Pisa che ha deciso di attivare un servizio unico nel suo genere.

La notte di Capodanno infatti saranno in servizio anche i volontari del Nogra (cioè il Nucleo Operativo Guardia Rurale Ausiliaria). Si tratta di guardie zoofile preparate a prestare soccorso ad animali bisognosi di cure, in particolare dopo i botti. E in diverse zone del centro città dalle 21 fino alle 2 sarà a disposizione anche l’ambulanza veterinaria.

Ma sono molti i capoluoghi che hanno vietato in toto o in parte i botti, con molte che possono arrivate anche a 500 euro. Come Cuneo con il “divieto di utilizzo di petardi, botti ed artifici di ogni genere in aree del territorio comunale”. Una linea simile anche a La Spezia, Monza, Pescara, Benevento. Ma anche a Reggio Calabria (fino al 7 gennaio 2020), a Messina addirittura fino al 10 gennaio, Palermo e anche a Lecce

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Capodanno, a che ora si festeggia nel mondo l’arrivo del 2020

Botti di Capodanno e animali, i consigli utili della LAV

Animali fuochi d'artificio Capodanno
I rischi per gli animali con i fuochi d’artificio sono notevoli (Getty Images)

In ocasione del Capodanno la LAV ha stilato un decalogo per chi non vuole correre rischi con i suoi animali domestici a Capoodanno. Una serie di consigli semplici, ma utilssiimi. Come quello di consultare in anticipo il veterinario di fiducia. Grazie a lui potranno essere individuate le migliori soluzioni per ridurre il senso di paura o di panico dell’animale E ancora, dotare sempre gli animali domestici di microchip e medagliette, in modo che sia puiù facile riconoscerli se si smarriscono.

E ancora, non lasciate mai gli animali incustoditi all’esterno anche se sono in gabbia. Allo stesso modo non tenere i cani legati con la catena, perché potrebbero strozzarsi. In casa accendete un po’ di musica, oppure la televisione, chiudendo allo stesso tempo bene le finestre. Ma se il cane o il gatto non sono terrorizzati dai botti, quando iniziano i fuochi tirate fuori il loro cibo preferito. Così  abbineranno il fuoco d’artificio all’idea di festa.

Se poi l’animale dovesse sparire, presentate immediatamente  denuncia di smarrimento alla Polizia Municipale, o altra Forza di polizia. Allo stesso modo avvisate il Servizio veterinario pubblico e i canili della zona.

LAV animali botti
Dalla LAV alcuni consigli per difendere gli animali dai botti (Getty Images)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui