Russia, entrano in servizio i missili ipersonici: la velocità è pazzesca

0

Russia, nuova escalation negli armamenti a lunghissima gittata. Da poche ore sono operativi gli Avangard, potentissimi missili di ultima generazione.

Vladimiri Putin armamenti Russia
Vladimir Putin, nuova mossa negli armamenti (Getty Images)

Russia, la nuova invincibile arma voluta da Vladimir Putin è pronta. Con grande enfasi infatti oggi è stata annunciata l’entrata in servizio degli Avangard. Sono missili strategici ipersonici che vanno ad allungare la batteria  già a disposizione dell’esercito, arricchendola di potenzialità inedite.

Un’arma della quale aveva già parlato un anno fa Vladimir Putin e che adesso diventa operativa. Giusto per capirne la portata, secondo fonti ufficiali russe questi missili sono in grado di raggiungere una velocità nell’atmosfera di Mach 27. Significa circa 33.000 chilometri l’ora, una rapidità che li rende di colpire qualsiasi obiettivo nello spazio di pochi minuti.

Inoltre il missile sarebbe capace, come ha spiegato Putin, di compiere virate veloci e cambiare anche altitudine in tempi rapidissimi. Una qualità che lo rende praticamente impossibile da intercettare. E sempre la Russia sarebbe diventato l’unico Paese al mondo a schierare armi ipersoniche.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Putin dice no: “Non voglio vedere gente con il velo nelle scuole”

Missili ipersonici in risposta allo scudo spaziale, gli Usa sono in ritardo

Russia missili
Il comando missilistico russo passa al contrattacco (Getty Images)

I nuovi missili ipersonici russi sono stati piazzati nella base di Yasnensky (regione di Orenburg). Una chiara risposta allo “scudo spaziale” varato dagli Usa, il sistema difensivo anti-missile ai confini orientali della Nato.  Anche gli Usa però da diversi anni stanno lavorando per sviluppare missili in grado di volare a velocità ipersonica che però potrebbero essere pronti solo nel 2022.

In realtà i nuovi missili russi arrivano a stretto giro dopo il varo del sottomarino atomico Novosibirsk che ieri, 26 dicembre, per la prima volta è entrato in acqua. I piani del Ministero della Difesa  prevedono che entri effettivamente in servizio in mezzo alla flotta della marina militare russa a partire dal 2020.

Il Novosibirsk è in grado di raggiungere una profondità massima di 520 metri, con un’autonomia di 100 giorni e una velocità di crociera di 31 nod. Per farlo viaggiare è necessario un equipaggio da 64 persone. Ma soprattuitto il suo arsenale comprende mine di profondità, siluri da 533 millimetri e missili da crociera Kalibr e Oniks.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui