Paolo Genovese, domiciliari al figlio Pietro: la rabbia delle vittime

0

Pietro Genovese, figlio del regista Paolo Genovese, è ancora in guai seri per aver investito Gaia e Camilla. Ottenuti gli arresti domiciliari: la rabbia dei familiari delle ragazze

Non è un buon Natale per nessuno. Non lo è per le famiglie delle giovanissime Gaia e Camilla, le due ragazze di 16 anni morte investite da un’auto su Corso di Francia a Roma. Un Natale tragico, terrificante, un Natale che non si augurerebbe neppure al peggior nemico. Una tragedia senza fine: cosa può voler dire perdere una figlia, un’amica, una parente di 16 anni? Una tragedia per tutti, anche per la famiglia di Paolo Genovese, il popolare regista di “Perfetti Sconosciuti” finito suo malgrado in una storia davvero drammatica.

Il figlio di Paolo, il 20enne Pietro Genovese, è colpevole di aver investito le due ragazze, che secondo le indagini avrebbero scavalcato il guardrail per attraversare velocemente Corso Francia. Lui non le ha viste e, complice l’asfalto bagnato e chissà cos’altro, le ha investite e uccise. Si è fermato per prestare soccorso, ma ormai era troppo tardi. Le indagini sono in atto e certificheranno il grado di colpevolezza di Pietro. La procura di Roma ha aperto un fascicolo per omicidio stradale e la dinamica è ancora da determinare.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Pietro Genovese, parla la sorella: “Le ragazze sono morte per colpa loro”

Paolo Genovese e il figlio ai domiciliari: i precedenti di Pietro

Ponte Milvio Paolo Pietro Genovese
Il punto in cui sono morte Gaia e Camilla (Foto: Facebook Rai2)

Ma per Pietro e Paolo Genovese i problemi potrebbero essere soltanto iniziati. Sulla determinazione della dinamica dell’incidente saranno ovviamente decisive le nuove testimonianze. La Polizia Locale sta effettuando le indagini con le dichiarazioni di chi ha assistito alla tragedia di Gaia e Camilla, come ad esempio gli amici delle due ragazze. Per il momento Pietro Genovese è agli arresti domiciliari, ma la sua posizione è tutta da definire.

Il figlio di Paolo Genovese viene definito “socialmente pericoloso”, viste le quattro sanzioni amministrative già prese per guida pericolosa, sanzioni che gli erano già costati diversi punti della patente. Per non parlare del precedente per essere stato trovato in possesso di hashish. Negli atti si legge che Genovese “È solito condurre veicoli a motore dopo aver assunto sostanze alcoliche […] personalità incline alla violazione delle regole […] e noncuranza se non addirittura disprezzo verso i provvedimenti e i moniti dell’autorità”.

LEGGI ANCHE >>> Tragedia Ponte Milvio, Pietro Genovese: “Sono passato con il verde e non le ho viste”

Genovese ai domiciliari: la reazione dei genitori di Gaia e Camilla

Pietro Paolo Genovese Gaia Camilla
Paolo Genovese (Getty Images)

Per questo si è proceduto agli arresti domiciliari di Pietro Genovese, ma naturalmente alle famiglie di Gaia e Camilla non sembra una pena adeguata al crimine commesso. “Quel giovane è un disperato – ha detto la mamma di Gaia, riportata dal ‘Corriere’ – Paolo Genovese e la sua famiglia non si sono mai fatti vivi con noi, ma non mi interessa molto”. Sembra piuttosto incurante invece il papà di Camilla, travolto da un dolore che non può avere giustizia, qualche che sia la pena: “La giustizia è andata avanti, ma di lui, domiciliari o meno, non m’importa niente. La verità è che mia figlia aveva ancora tanto da darmi”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Roma, morte due ragazze investite: il conducente era positivo?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui