New York, le lattine nuovo (e unico) business per i poveri

0

New York, la nuova frontiera per i poveri e i sentatetto sono le lattine ma anche le bottiglie di plastica. Raccoglierle può significare la sopravvivenza.

Lattine New York raccolta poveri
Lattine e bottiglie di plastica, a New York la raccolta dei proveri (Getty Images)

New York, il nuovo ma anche in molti casi l’unico lavoro per poveri, emarginati e senza tetto sono diventate le lattine e le bottiglie di plastica. Sono sempre più frequenti i casi di quelli che si spongono mel Queem’s e in altri quartieri abbienti della città per raccoglierle e consegnarle guadagnando così 5 centesimi di dollaro a pezzo.

Un sistema di raccolta differenziata che nella ‘Grande Mela’ va avanti inalterato dal 1982. Il principio era quello di spinfgere la popolazioe ad essere virtuosa quando ancora la titela dell’ambiente non era un tema caldo come oggi. In pratica ogni distributore di bevande fissa una commissione di 5 centesimi su bottiglei di plastica e lattine al negozio. E quest’ultimo li mette in conto al cliente. Se però la lattina o la bottiglia vuota vengono riportate al negozio, il consumatore riceve indietro i 5 centesimi di deposito. Il negoziante inveve la può rivendere al distributore per essere riciclata e ottenere così 3,5 centesimi.

Cosa succedere però se il consumatore la lascia in giro? Se ne occupa una società specializzata in smaltimento rifiuti. Ed è quei che entrano in gioco poveri e senzatetto. In pratica si sostituiscono ai camion della spazzatura, raccattano tutte le lattine e le bottoglie che trivano in giro e poi le portano nei negozi per farsi restituire i centesimi.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Rimborso rifiuti a Roma, Le Iene inchiodano la Raggi – VIDEO

New York, il business della lattine coinvolge fino a 8000 persone

Lattine bottigflie New York riciclo
Ricicvlo delle lattine e delle bottiglie, a New York un business alternativo (Getty Images)

Quello delle lattine e bottiglie di plastica da riciclare è diventato negli ultimi anni un business sempre più massiccio perchi deve arrivare a fine mese senza un lavoro. E come spesso succede in questi casi, è stato anche fonte di risse, accoltellamenti, liti per i prezzi e per i pezzi da consenare.

Le ultime stime delle associaizoni che si occupano di assistere i poveri a New York sarebbero sono fra le 4.000 e le 8.000 le persone con questi sussidi. Numeri importanti, che dimostrano come anche in una città considerata qall’avanguardia in realtà esistono differenxe profonde.

Tutto però rischia di cambiare nel prossimo futuro. il governatore Andrew Cuomo infatti ha in mente di  ampliare il deposito alle bottiglie di vino e liquori. Una norma che andrebbe a vantaggio di chi già oggi vive raccogliendo e riciclando il materale. Ma il Comune di New York ha annunciato battaglia, perché così verrebbe generato un aumento delle tariffe da parte della società che cura lo smaltimento dei rifiuti. E a pagare sarebbe chi guadagna di più.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui