Solstizio d’Inverno: arriva il freddo… aspettando la cometa aliena!

0

Il 22 dicembre 2019 arriva il solstizio d’inverno, e il clima sembra averci già “avvertito” da diversi giorni. Ma quest’anno c’è qualcosa in più da vedere…

Alla fine è arrivato, sebbene le varie allerte meteo delle ultime settimane ci avessero già “avvertiti” con largo anticipo. Il solstizio d’inverno del 22 dicembre 2019 segna l’inizio della stagione del grande freddo, annunciato da tempeste di pioggia e vento anche piuttosto drammatiche. Sono stati tantissimi i danni del maltempo quest’anno, e non accennano a placarsi. Tra ponti che crollano, morti e danni a persone e cose la brutta stagione si è presentata nel peggiore dei modi. Oggi però è anche il giorno più corto dell’anno: domani sarà il momento in cui il Sole raggiungerà la posizione più a Sud dall’equatore celeste, nel suo moto apparente lungo le costellazioni dello Zodiaco.

Qualche curiosità e qualche cenno storico sul solstizio d’inverno. Prima della riforma del calendario, voluta dal papa Gregorio XIII, il solstizio coincideva con il giorno di Santa Lucia, il 13 dicembre. Una ricorrenza che ha poi lasciato la credenza popolare che proprio il giorno della protettrice dei non vedenti fosse quello più breve dell’anno. Ma in realtà il 22 dicembre il Sole tramonta qualche minuto dopo rispetto al 13 dicembre e l’alba è ritardata di alcuni minuti, come rileva l’Unione Astrofili Italiani (Uai).

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Allerta meteo in Nord Italia: un morto “assurdo” in Friuli

Solstizio d’inverno: attesa per la cometa aliena 2I/Borisov

solstizio inverno
Arriva l’Inverno (Getty Images)

Ma il 22 dicembre 2019 è un giorno attesissimo per gli appassionati di astronomia al di là del solstizio d’inverno. Si attende infatti il passaggio della cometa aliena 2I/Borisov, proveniente da un altro sistema solare e visibile solo con l’aiuto di un telescopio. Scoperta il 30 agosto scorso dall’astrofilo ucraino Hennadij Borisov, la cometa 2I/Borisov è il secondo oggetto interstellare mai osservato nel Sistema Solare dopo l’asteroide Oumuamua, scoperto nel 2017.

C’è grande attesa perché, a quanto pare, la cometa si sta avvicinando alla Terra e dovrebbe raggiungere la sua luminosità massima proprio stasera. Preparatevi quindi per un grande spettacolo, ma attenzione: per poterla vedere è necessario munirsi di un telescopio!

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Maltempo, ritorna l’acqua alta a Venezia: picco di 120 cm

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui