CONDIVIDI

Istat, la fotografia del lavoro e degli stipendi in Italia parla chiaro: la differenza tra uomini e donne è calata negli ultimi anni, ma esiste ancora.

Donne lavoro stipendi Istat
Donne al lavoro, gli stipendi sono ancora più bassi come conferma l’Istat (Getty Images)

L’Istat fotografa ancora una volta il mondo del lavoro in Italia e il quadro che ne emrge è chiaro. I rappprti di lavoro esistenti sono quasi al 60% dedicati agli uomini. E la loro retribuzione oraria  è in media pari  11,61 euro. Una cifra superiore del 7,4% rispetto a quella delle donne (pari a 10,81 euro). Nel 2014 era dell’8,8%, quindi la situazione è migliorata. Merito di una crescita della retribuzione media delle donne, con un +2,4% rispetto a quella degli uomini (+1%).

Sono tutti dati relativi al 2017, cioè l’ultimo anno che è possibile monitorare. Donne inferiori come stipendi agli uomini e non è un dato nuovo. Come non lo è il fatto che nel Mezzogiorno le retribuzioni orarie sono inferiori del 16,2% rispetto alle altrre zone d’Italia.

E a proposito di evidenti differenxe di retribuzione, c’è un gap del 13,8% tra i lavoratori nati in Italia e quelli nati all’estero. La retribuzione oraria media per i dipendenti nati in Italia (l’83,3% del totale) è pari a 11,53 euro. Una cifra superiore di 1,40 euro rispetto a quella dei lavoratori nati all’estero. Inoltre nel  2017 almeno metà dei lavoratori percepivano una retribuzione oraria pari o inferiore a 11,25 euro.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Giornata disabilità, oltre 3 i milioni di italiani con invalidità: i dati Istat

Lavoro, queli sono i due contratti meglio pagati?

Lavoro donne stipendi Istat
Il lavoro delle donne non è ancora stimato come quello maschile (Getty Images)

Scendendo nel dettaglio dei contratti, come evidenzia l’Istat, la retribuzione oraria più alta è lagata a due tipi di contratti. Sono quelli a tempo indeterminato (che sono pari al 65,5% dei rapporti totali) e i contratti a tempo pieno (pari al 68,3% dei rapporti totali). La retribuzione oraria media dei lavoratori con contratto full time è paro a 11,98 euro, superiore del 19% a quella dei part-time,

In particolare gli impiegati e i dirigenti hanno incassato una retribuzione oraria pari a 14,04 euro, cioè il 65,4% in più rispetto agli apprendisti. Nel 2017 la retribuzione oraria media è passtaa dai 10,03 euro dei giovani (compresi tra 15 e 29 anni) ai 12,46 euro dei lavoratori più anziani (cioè con età maggiore o uguale a 50 anni).

Infine il valore più basso della retribuzione oraria media, pari a 8,4 euro, è quello dei rapporti nelle imprese dell’area “Altre attività di servizi”. Il valore più alto, pari a 22,56 euro, è invece nel comparto “Attività finanziarie e assicurative”, il 2,7% dei rapporti di lavoro complessivi.