Omicidio Luca Sacchi, la fidanzata: “Non sapevo dei 70 mila euro” 

0

Omicidio Luca Sacchi, arriva la versione della fidanzata al Gip di Roma. Anastasia Kylemnyk si difende così: “Non sapevo dei 70 mila euro nello zaino”.   

Omicidio Luca Sacchi, arriva la versione ufficiale della fidanzata. Anastasia Kylemnyk, presente nella tragica notte dello scorso 23 ottobre, è stata infatti sottoposta all’interrogatorio di garanzia al Gip di Roma.

Non sapevo di avere 70 mila euro nello zaino. Ero davanti a quel pub con Luca come mille altre volte era capitato”, ha riferito la ragazza nel frattempo accusata per acquisto di droga. “Io e Luca siamo assolutamente estranei a questa vicenda”, ha poi ribadito.

Omicidio Luca Sacchi, la versione della fidanzata

La versione tuttavia non convince le autorità, e per lei persiste l’obbligo di firma. Secondo il magistrato, infatti, la donna avrebbe un ruolo centrale nella vicenda relativo all’acquisto dello stupefacente. In particolare era stato commissionato a lei il delicato compito dell’operazione: ossia lo scambio di denaro per i 15 kg di marijuana poi ritrovati.

Potrebbe interessarti anche —> Scandalo Ponte Morandi: la scoperta che inchioda i colpevoli

Per l’omicidio sono stati arrestati ormai da tempo Valerio Del Grosso e Paolo Pirino. In carcere inoltre ci sono finiti anche Marcello e Armando De Propis, entrambi accusati di aver fornito l’arma del delitto. Così come il provvedimento è scattato pure per Giovanni Princi, amico d’infanzia della vittima che avrebbe condotto la trattativa per l a droga. Al momento dell’affare qualcosa sarebbe andato storto e da lì gli spari fatali.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui