CONDIVIDI

Van Basten, la frase nazista gli costa la “squalifica” da Fifa 20. Niente presenza nello storico videogioco calcistico

Marco Van Basten
Van Basten, la frase nazista gli costa la “squalifica” da Fifa 20 (Foto: Getty)

Marco Van Basten era finito nella bufera la settimana scorsa per aver pronunciato, durante la telecronaca di Ajax-Heracles su Fox Sports, la frase nazista “Sieg Heil” (letteralmente “Saluto alla Vittoria”). Il fattaccio era avvenuto fuori onda, ma i giornali olandesi e i social, avevano prontamente riportato il tutto alla ribalta mediatica, gettando il campione olandese nella bufera.

L’ex centravanti di Milan e Ajax, era stato immediatamente sospeso dal ruolo di commentatore tecnico, nonostante le immediate scuse: “Non volevo scioccare nessuno con quell’affermazione. Chiedo perdono“. Sui social si sono susseguiti una serie di commenti molto duri nei suoi confronti, soprattutto in un momento molto caldo per il tema razzismo. Proprio l’Olanda si era fatta promotrice di un bel messaggio contro le discriminazioni, con Wijnaldum e De Jong che hanno esultato nella partita contro l’Estonia, mostrando la loro pelle in modo scherzoso.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Guardiola e Messi al Milan: col nuovo presidente il sogno è possibile

Van Basten frase nazista
Van Basten escluso da Fifa 20 per frase nazista (Foto: Getty)

Van Basten nella bufera: Sospeso da Fifa 20

Ora però non basta la gogna mediatica e la “squalifica” dal ruolo televisivo, ma arriva anche un’altra sospensione per Marco Van Basten. Difatti, il noto videogioco calcistico Fifa, nella versione 2020, ha deciso di “sospenderlo”, come riportato dai programmatori: “Siamo a conoscenza delle recenti dichiarazioni di Marco van Basten. Poiché intendiamo rispettare il nostro impegno in favore dell’uguaglianza e della diversità all’interno del nostro gioco, abbiamo deciso di escludere gli oggetti ICONA di Marco van Basten dai pacchetti, dalle SCR e da FUT Draft fino a nuovo ordine. Continuate a seguirci per ulteriori aggiornamenti“. Purtroppo quindi nessuno sconto per il “Cigno di Utrecht”, nemmeno nel mondo dei videogame. La frase nazista gli è costata molto cara. La prossima volta ci starà più attento.