CONDIVIDI

Napoli da incubo, #Ancelottiout diventa subito virale: la sconfitta subita in rimonta dal Bologna al San Paolo scava un solco tra il tecnico, la squadra e i tifosi. E la società?

Napoli incubo Carlo Ancelotti esonero tifosi
Napoli da incubo, #Ancelottiout diventa virale (Getty Images)

Un Napoli da incubo, lo dicono i numeri. Dopo la sconfitta di pochi minuti fa contro il Bologna passato in rimonta 2-1 al San Paolo, la squadra di Carlo Ancelotti precipita. Dopo14 giornate ha messo insieme solo 20 punti ed è a diciassette lunghezze dall’Inter (e 16 dalla Juventus).

Accanto a questi ci sono le fratture ormai evidenti con parte della rosa. Oggi Callejon è stato lasciato in panchina per scelta tecnoica. Nella ripresa l’attaccante spagnolo è stato mandato a scaldarsi ma anche quando sembrava potesse entrare, per dare l’assalto finale, è rimasto fuori.

E i fischi, sonori, del pubblico napoletano a fine partita hanno ribadito una volta di più che somno tutti colpevoli. Ma Ancelotti più degli altri è sul banco degli imputati perché non riesce a dare una svolta al gruppo.Su Twitter l’hashtag #Ancelottiout  è diventato voirale in pochi minuti. Così tornano di moda le vici di una sostituzione in corsa, già nelle prossime ore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Napoli-Bologna 1-2: highlights, voti, pagelle e tabellino

Ancelotti e il Napoli, un rapporto difficile. E spuntano i sostituti.

Napoli crisi
Napoli, crisi profonda e senza uscita (Getty Images)

Carlo Ancelotti aveva ben altrri obiettivi per questa stagione, così come la squadra. Se in Champons League basta un punto per passare il turno e la prossima avversaria si chiama Genk, in campionato è notte fonda. Sabato prossimo il Napoli sarà a Udine, ma non è detto che il tecnico sarà lo stesso.

Ancelotti a rischio, non da oggi. Con la differenza però chei sostituti si stanno già preparando. In cima alla lista Gennaro Gattuso, uno che accetterebbe anche di entrare in corsa. Napoli è una piazza che per uno come lui focoso e passionale, è perfetta. Ma soprattutto sarebbe il modo per prendersi una rivincita sul recente passato.

Altro nome caldo è quello di Luciano Spalletti che arriverebbe però solo per un progetto a lunghissima scadenza. L’Inter però non  lo ha liberato quando lo ha cercato il Milan prima di Pioli, difficile che succeda adesso.