Incubi e brutti sogni: gli scienziati hanno capito da cosa dipendono

0

Incubi e brutti sogni: gli scienziati hanno capito da cosa dipendono e come possono essere evitati

Incubi e brutti sogni
Incubi e brutti sogni: gli scienziati hanno capito da cosa dipendono (Foto: Dieter Robbins, Pixabay)

I brutti sogni potrebbero avere un ruolo chiave nella vita di tutti noi, secondo quanto affermano gli scienziati.

I ricercatori hanno analizzato il cervello delle persone mentre dormivano per scoprire quali aree erano attivate mentre sperimentavano la paura durante i loro incubi. Hanno scoperto che i partecipanti che avevano sperimentato sogni spaventosi erano in grado di “rispondere alle situazioni che inducono paura molto più efficacemente” una volta che si sono svegliati. Questa scoperta ha portato gli scienziati a concludere che “i sogni ci aiutano a reagire meglio a situazioni spaventose, aprendo così la strada a nuovi metodi terapeutici basati sui sogni per combattere l’ansia“.

Quindi, se siamo colti da brutti sogni durante la notte, magari è un modo in cui il nostro cervello ci prepara ad affrontare le paure della vita quotidiana. “I sogni possono essere considerati una vera formazione per le nostre reazioni future e potrebbero potenzialmente prepararci ad affrontare i pericoli della vita reale“, ha affermato Lampros Perogamvros, ricercatore del Laboratorio del sonno e della cognizione presso il Dipartimento di neuroscienze dell’Università di Ginevra.

Incubi e brutti sogni: gli scienziati hanno capito da cosa dipendono

Durante il loro studio, i “ricercatori dei sogni” hanno usato una tecnica chiamata elettroencefalografia ad alta densità (EEG), che prevede il posizionamento di diversi elettrodi sul cranio, per misurare l’attività cerebrale. Hanno scoperto che alcune regioni del cervello sono responsabili della formazione dei sogni e altre regioni sono attivate a seconda del contenuto specifico di un sogno, come “percezioni, pensieri ed emozioni”. “Eravamo particolarmente interessati alla paura: quali aree del nostro cervello sono attivate quando facciamo brutti sogni”, ha aggiunto Perogamvros. Gli scienziati di Ginevra hanno posizionato 256 elettrodi EEG sui 18 soggetti coinvolti, svegliandoli più volte durante la notte e hanno chiesto dei loro sogni. “Analizzando l’attività cerebrale in base alle risposte dei partecipanti, abbiamo identificato due regioni cerebrali implicate nell’induzione della paura sperimentata durante il sogno: l’insula e la corteccia cingolata”, ha spiegato Perogamvros. L’insula è anche coinvolta nella valutazione delle emozioni quando si è svegli e si attiva quando qualcuno si sente spaventato. La corteccia cingolata prepara “reazioni motorie e comportamentali in caso di minaccia“, ovvero la forza e l’intelletto per scappare dal pericolo. “Per la prima volta, abbiamo osservato che regioni simili si attivano quando si avverte paura sia nel sonno che negli stati di veglia”, ha aggiunto Perogamvros.

I ricercatori volevano vedere se c’era un legame tra la paura vissuta durante un sogno e le emozioni vissute una volta che il dormiente si è svegliato dallo stesso. Hanno chiesto a 98 partecipanti di compilare un diario dei sogni per una settimana. Quando hanno scansionato il cervello delle persone che hanno riferito di incubi, hanno scoperto che le parti del cervello associate alla paura erano meno attive.

Abbiamo mostrato a ciascun partecipante immagini emotivamente negative, come assalti o situazioni angoscianti, nonché immagini neutre, per vedere quali aree del cervello erano più attive per la paura e se l’area attivata è cambiata a seconda delle emozioni vissute nei sogni durante la settimana precedente “, ha affermato Virginie Sterpenich, ricercatrice presso il Dipartimento di Neuroscienze di base dell’UNIGE. ‘Abbiamo scoperto che più a lungo qualcuno aveva provato paura nei propri sogni, meno l’insula, il cingolato e l’amigdala si attivavano quando la stessa persona guardava le immagini negative. “Inoltre, l’attività nella corteccia prefrontale mediale, che è nota per inibire l’amigdala in caso di paura, è aumentata in proporzione al numero di sogni spaventosi.”

Si spera che i risultati ottenuti possano portare alla creazione di terapie in grado di aiutare le persone ad affrontare gli stati ansiosi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui