La mamma di Nadia Toffa racconta gli ultimi giorni di sua figlia contro la malattia

0

La madre di Nadia Toffa, Margherita, ha svelato qualche retroscena della lotta di sua figlia e dei suoi ultimi giorni

La storia di Nadia Toffa ha commosso tutti, per la forza dimostrata dalla giornalista delle Iene, dalla malattia al tragico epilogo. In questi giorni la mamma di Nadia, Margherita Toffa Rebuffoni, sta iniziando a tirare fuori l’immenso dolore di aver perso la sua bellissima figlia, raccontando gli ultimi giorni di vita e la battaglia contro quel brutto male. La signora Toffa ha raccontato in un’intervista a ‘Domenica In’ l’evoluzione della tragedia di Nadia Toffa e la sofferenza di quei mesi di calvario.

Tutto inizia a Trieste, dove Nadia, 38 anni, si trova per un servizio delle Iene. Mentre si trova nella hall dell’albergo accusa uno svenimento e viene subito soccorsa, poi trasportata in eliambulanza in ospedale. Lì le diagnosticano subito il tumore. Uno di quelli brutti, uno dei più aggressivi, un tumore al cervello di quelli che non lascia scampo. Ma per sua fortuna è operabile e le viene subito rimosso. Forse anche da questo nasce lo straordinario ottimismo di Nadia, che come racconta anche sua madre ha sempre creduto di poter guarire, quasi fino alla fine. Iniziano così le cure, chemioterapia e radioterapia. Le cure sono spesso debilitanti ma che non le impediscono di continuare a lavorare alle inchieste che tanto amava e alle trasmissioni in prima serata delle Iene.

Nadia Toffa madre
Nadia Toffa (foto Web)

Il libro della Toffa e la battaglia della madre

Nei mesi successivi la Toffa subisce altre quattro operazioni, per un totale di cinque interventi al cervello, che purtroppo però non riusciranno a salvarle la vita. Sono parole strazianti quelle che usa mamma Margherita per raccontare il suo dolore: “Di notte spesso non riusciva a dormire – racconta la donna – si alzava e si sedeva alla scrivania per scrivere il suo libro”. Libro che è poi finito in vendita e il cui ricavato verrà devoluto per la ricerca oncologica e per i malati della Terra dei Fuochi.

FORSE TI INTERESSA ANCHE >>> Tumori: Importante Scoperta Svela Metastasi del tumore

La mamma di Nadia Toffa e l’inchiesta sulla Terra dei Fuochi: per non dimenticare

Nadia Toffa madre
Nadia Toffa (foto Web)

Se vogliamo è anche amaramente ironico che una persona che si è spesa tanto per combattere un luogo nel quale hanno avuto origine tanti tumori sia poi morta per lo stesso motivo. Un’inchiesta, che Nadia Toffa si porterà nel cuore fino alla fine. Un’inchiesta dove ha incontrato bambini malati di tumore che lottano ogni giorno per sopravvivere, proprio poi è capitato a lei. Strana la vita, a volte davvero infame. Il racconto di mamma Toffa è straziante e carico di sofferenza. Le condizioni di Nadia precipitano a luglio e non riesce neanche più a lavorare ed a partecipare al programma che tanto amava: Le Iene. Ed è proprio questo il rammarico più grande per Nadia Toffa, quello di riuscire più a dedicarsi alle sue inchieste.

La Terra dei Fuochi e il lavoro incessante di Nadia

Padre Maurizio Patriciello, parroco famoso per la lotta nella Terra dei Fuochi, le dà l’estrema unzione, che lei accetta ormai consapevole della fine che sta per arrivare. Nadia Toffa è spirata il 16 agosto 2019, destando un’incredibile manifestazione di affetto popolare. Per lei in chiesa c’era una folla di persone che l’hanno ammirata e che le hanno voluto bene anche senza conoscerla direttamente.

Ora Nadia Toffa non c’è più, ma sua madre sta portando in giro il suo messaggio. Lo fa diffondendo il suo libro e comparendo nelle varie trasmissioni televisive, con una enorme forza di spirito. Margherita racconta gli ultimi giorni della sua lotta per infondere coraggio e soprattutto per ricordare tutto quello che ha fatto Nadia Toffa con le sue inchieste televisive. Un lavoro da non sottovalutare e, soprattutto, da non dimenticare.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Emma Marrone stop alla musica | brutte notizie torna il tumore

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui