CONDIVIDI

Venezia, i danni stimati per il maltempo superano il miliardo di euro

Venezia acqua alta
Venezia, i danni superano il miliardo di euro (Foto: 3BMeteo)

Per Venezia è uno dei peggiori momenti della storia. E’ ha appena passata infatti un’altra ondata di maltempo domenica che ha riportato il livello dell’acqua ad una soglia vicina al record toccato lo scorso martedì, di 1.87 metri.
Il sindaco veneziano, Luigi Brugnaro, ha riferito che sono state predisposte tutte le misure necessarie per far fronte ad un’ulteriore crisi meteorologica in arrivo nei prossimi giorni.

“Abbiamo attivato il dispositivo di sicurezza e abbiamo distribuito tutti gli agenti disponibili. Il picco della scorsa settimana è stato elevato, e sarà comunque difficile superare tale record” .

Venezia, i danni superano i 1000 milioni di euro

Il capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, ha spiegato che il danno causato dalla catastrofe, stimato dal consiglio comunale a circa 1.000 milioni di euro, è ancora in corso di conteggio e ha avanzato il ricorso all’aiuto del Fondo di solidarietà dell’Unione europea (UE) ).

La petizione al fondo servirà anche ad alleviare le devastazioni della tempesta che ha colpito diversi punti nel nord del paese.

Brugnaro ha aggiunto di avere il sostegno della Banca europea per gli investimenti. Anche la Russia ha raggiunto e di aver ricevuto donazioni da cittadini di tutto il mondo: “Difendere Venezia non è solo difendere l’arte, ma la nostra civiltà”, ha affermato. .

D’altra parte, le inondazioni degli ultimi giorni hanno causato la caduta subacquea di metà delle 120 chiese veneziane, molte delle quali decorate con mosaici e pavimenti “molto delicati”, ha dichiarato la sovrintendente al patrimonio, Emanuela Carpani.

L’arrivo dell’acqua dal Mare Adriatico ha fatto infiltrare il sale nelle pietre e questo potrebbe causare la loro “rapida disintegrazione”. Per evitare questo fenomeno, è necessaria una prima pulizia e dissalazione degli edifici storici, che costerà circa 60.000 euro al tempio, ha detto.

Venezia danni
Venezia, i danni superano il miliardo (Foto: IlSussidiario.net)

Un altro problema che preoccupa gli esperti è la situazione dei campanili di Venezia, molti dei quali sono visibilmente inclinati, poiché la città si trova su basamenti poggiati nell’acqua.

Carpani ha sottolineato che la sua situazione è in fase di verifica e che la Protezione civile offrirà dati satellitari gratuitamente.

Borrelli ha firmato un’ordinanza per affrontare la prima fase della catastrofe e gestire i 20 milioni di euro che il governo ha erogato. Sono previste sovvenzioni di 5.000 euro per ogni cittadino interessato e 20.000 per i commercianti, per cui sono anche previsti vantaggi fiscali.

Il primo cittadino, da parte sua, ha nuovamente chiesto che le tre dighe che dovrebbero isolare Venezia dal mare (il famoso progetto Mo.s.e.) siano completate al più presto in caso di maree alte, con i lavori che dovrebbero concludersi entro il 2021. Inoltre ha chiesto che il consiglio comunale sia coinvolto nella realizzazione dell’infrastruttura.

Venezia, un’agenzia internazionale per i cambiamenti climatici

Ha anche proposto che la città dei canali ospitasse un’agenzia internazionale in cui scienziati di tutto il mondo sperimentino e studino gli effetti dei cambiamenti climatici e dell’inquinamento.

I prossimi due giorni dovrebbero essere di tregua meteo, con giornate poco nuvolose, prima di un peggioramento previsto per il prossimo fine settimana.

Il presidente del Senato italiano, Elisabetta Alberta Casellati, e il ministro degli Interni, Luciana Lamorgese, oltre ai membri della Nazionale di calcio, come il portiere Gianluigi Donnaruma, hanno fatto visita nei giorni scorsi a Piazza San Marco. Tutti hanno voluto mostrare la propria vicinanza, dalle istituzioni ai personaggi pubblici, al dolore enorme che la città lagunare sta vivendo.