CONDIVIDI

La morte di Freddie Mercury era pianificata? Ecco l’ultima sconvolgente verità che sarebbe emersa nelle ultime settimane

Freddie Mercury
La morte di Freddie Mercury era pianificata? Ecco l’ultima sconvolgente verità (Foto: NME.com)

L’assistente personale e amico di Freddie Mercury, Peter Freestone, ha raccontato come il musicista ha smesso di prendere le medicine contro l’Aids che lo stava divorando, due settimane prima della sua morte perché voleva essere “in controllo” della sua malattia.

Il leggendario frontman dei Queen morì il 24 novembre del 1991 all’età di 45 anni, dopo aver contratto la polmonite legata all’AIDS e Peter, – che Freddie chiamava amorevolmente “Phoebe” – rivelò che il cantante “sapeva” che alla fine la sua malattia lo avrebbe ucciso.

Peter Freestone
Peter Freestone e Freddie Mercury (Foto: Queenforeverblog)

Apparendo alla Tv britannica, Peter ha parlato della sua amicizia con Freddie e del suo lavoro in corso per educare i giovani di tutto il mondo sull’HIV / AIDS, che dice “uccide ancora” e non è “mai menzionata abbastanza”.

Ha detto: ‘Sapeva che stava arrivando la fine, questa è la cosa. Decise due settimane prima della morte che non avrebbe più assunto droghe che lo avrebbero tenuto in vita.

“Aveva il controllo, anche se la malattia lo stava uccidendo.”

Peter, che attualmente risiede nella Repubblica Ceca, è ospite regolare di eventi di sensibilizzazione sull’AIDS, convegni dei fan dei Queen e discussioni nelle scuole di tutto il mondo.

Ricorda spesso: “Ultimamente i giovani nelle scuole hanno smesso di parlarne”.

“Quindi non sanno cosa c’è là fuori e devono capire che uccide ancora. Quindi fa parte del nostro lavoro tenere alta l’attenzione”.

Parlando della sua amicizia con il musicista, Peter ha insistito sul fatto che Freddie fosse “così altruista” tanta da fare “qualsiasi cosa per i suoi amici”.

Ricorda con un po’ di commozione: “Stavo lavorando al Royal Opera House, ha suonato Crazy Little Thing Called Love e Bohemian Rhapsody.

L’ho incontrato dopo e ho detto che era assolutamente incredibile, era così educato, era un vero gentiluomo”.

‘Ha detto che mi aveva visto al Teatro dell’Opera. Ho spiegato che mi occupavo dei costumi e quella era la fine della conversazione, ma era così caloroso’.

‘L’ho detto prima e lo dirò per sempre, era l’amico più gentile, generoso e leale che chiunque potesse desiderare di avere’.

“Avrebbe fatto qualsiasi cosa per le persone a cui voleva bene, ma dall’altra parte i suoi amici avrebbero fatto lo stesso per lui.”

Freddie Mercury al Live Aid
Freddie Mercury al Live Aid 1985 (Foto: Cnn)

Peter, che ha descritto il suo lavoro come “rendere la vita di Freddie più facile” intraprendendo le faccende quotidiane in modo che il cantante potesse creare musica, ha spiegato come è stato arruolato come consulente per il biopic Queen del 2018 “Bohemian Rhapsody”.

Sottolinea come: “Ho pagato le bollette, ho fatto la spesa, ho risposto a cose del genere in modo che potesse creare la musica. Ha fatto il lavoro sporco per permettergli di creare in santa pace”.

Parlando del suo contributo al film, in cui Rami Malek ha interpretato il frontman, ha aggiunto: ‘Ecco, mi sono solo permesso di dare piccoli suggerimenti su come Freddie avrebbe reagito a una situazione”.

“Inoltre, prima che la pre-produzione si assicurasse che avessero esattamente anche la tazza o la maglietta giuste, non ti rendi conto di quanti dettagli sono necessari per realizzare uno di questi film”.