Holly Butcher  aveva 27 anni ed era originaria del New South Wales. La giovane donna, ha dato il suo saluto finale prima di spirare per colpa di un cancro maledetto cpn un post straziante su Facebook: “Ho sempre immaginato di diventare grande, che un giorno avrei avuto le rughe e i miei capelli sarebbero diventati bianchi. Ho sognato di fare una famiglia con l’uomo che amo. L’ho desiderato così tanto da far male”:

Una terribile malattia non le ha dato scampo: “La vita è così. Fragile, preziosa e imprevedibile. Ogni giorno che passa non è un nostro diritto, ma un dono che ci viene dato. Ora ho 27 anni e non voglio morire: amo la mia vita, sono felice e in debito coi miei cari. Ma non ho il controllo della mia vita tra le mani”. Per l’australiana non c’era nulla di più importante di sentirsi bene e felice: “Non sai quanto tempo devi vivere, quindi non perdere tempo ad essere triste”, ha consigliato la 27enne.

La lettera si conclude con degli inviti: “Ascoltate la musica, ascoltatela davvero. La musica è terapia. Accarezzate il vostro cane. Parlate ai vostri amici e mettete giù quel telefono. Viaggiate, se vi piace, altrimenti non fatelo. Lavorate per vivere, non vivete per lavorare. Mangiate le torte senza rimorsi. Non fate ciò che gli altri credano che valga la pena fare. Dite ai vostri cari che li amate. E se qualcosa vi rende tristi, sappiate che avete il potere di cambiarlo”.