Roma 01/04/2015, il Partito Democratico presente alcune iniziative di sostegno alla Tunisia. Nella foto Emma Bonino

“Ci siamo trovati in mezzo a una trappola di una legge discriminatoria: combatteremo, comunque vadano le cose, contro questo testo in ogni Corte, anche a livello europeo. Il Rosatellum non può essere accettato”. Ha parlato in questi termini Emma Bonino in una conferenza stampa svolta assieme al segretario dei Radicali Riccardo Magi e a Benedetto Della Vedova.

La procedura prevista dal Rosatellum per presentare una lista alle elezioni – ha spiegato Bonino – è “un imbroglio”, una “trappola” e +Europa è pronta a dare battaglia. Le modalità della raccolta è un incubo”. “In Germania – ha precisato – bastano 200 firme per collegio e le firme non devono essere autenticate, in Francia non è richiesta alcuna firma, nel Regno unito bastano le firme di dieci elettori… Noi abbiamo questo semplificato processo”. Ha aggiunto Della Vedova: “Siamo a Kafka, è come nei racconti di Kafka”.

Insiem ai radicali anche il centrista  Tabacci: “Sono rimasto molto colpito dalla vicenda della lista +Europa. Ho deciso di mettere a disposizione il simbolo del Centro democratico per recuperare una dimensione di libertà che è fondamentale. Se non ci fosse stata la lista di Emma Bonino saremmo stati tutti più poveri”.

FONTE TGCOM