Roma, minacce di morte alla preside che non intende togliere il Crocifisso dalle classi

preside

Minacce di morte alla preside di uno storico liceo romano della Garbatella, già accusata di aver distrutto un liceo d’eccellenza a causa del sovraffollamento.

Stavolta, a scatenare il tutto è stata la volontà della preside di non togliere il Crocifisso dalle aule del suo istituto.

“C’è una sentenza della Cassazione e poi la mano di Dio serve sempre”, ha risposto la preside.

Tra le minacce ricevute in una lettere dalla preside ci sono: “Vattene e muori. Datte e mori, sporca amica di minorati, storpi e croci”.

“Sono cose che fanno male ma non uccidono – afferma la preside come si legge su Libero – Anche se adesso vado avanti col cuore stretto in una morsa”.