alessio il sinto

Ai microfoni de Il Messaggero, parla l’ex ragazza italiana di Mario Seferovic, alias Alessio il Sinto, il nomale 21enne, in carcere con l’accusa di aver sequestrato e violentato due 14enni alla periferia di Roma.

“Cado dalle nuvole, lui non ha mai avuto un carattere aggressivo e non mi ha mai dato segni di essere un violento. Lui è un po’ un playboy, ma non è cattivo”, afferma la ragazza che da Alessio il Sinto ha avuto un figlio quando erano appena sedicenni e che lui non ha riconosciuto.

«L’ultima volta l’ho visto qualche mese fa, prima che succedesse tutto questo. Lui mi cercava perché abbiamo situazioni che ancora oggi ci tengono vicino ma non l’ho più visto» – spiega la ragazza – «Lui non ha riconosciuto e non vede mio figlio, che ora porta il mio cognome ma non perché Mario sia un mostro, bensì perché non voglio che sia giudicato, mio figlio non deve avere marchi».

La ragazza, poi, racconta come ha conosciuto il padre di suo figlio aggiungendo che è il classico playboy ma che con lei ha sempre avuto un comportamento impeccabile.

«Ci presentò un amico comune, che ora non c’è più. Abbiamo avuto una storia particolare, per motivi personali non sarei mai tornata con lui ma gli voglio ancora bene. Mario è un ragazzo di poche parole, cambiava spesso frequentazioni e aveva una percezione distorta a livello sentimentale, ma con me si è sempre comportato bene. Sa di piacere alle ragazze, ha sempre avuto un certo fascino su di loro».