violenza ospedale bologna

Una 47enne di Chioggia, in provincia di Venezia, ha vissuto un incubo durato tre anni e che si è concluso con l’asportazione di un seno per un sospetto tumore.

La donna, però, non era mai stata malata. Nel 2007 la donna fu sottoposta a mastectomia ma dopo l’intervento non le fu prescitta nessuna radioterapia. La paziente scoprì, poi, che anche tutte le altre donne venivano curate allo stesso modo.

Si rivolse così ad uno studio legale che, con l’aiuto di una serie di consulenti scoprì che la donna non era mai stata affetta da tumore.

Dopo una causa durata cinque anni la donna ha vinto e l’Ulss 14 di Chioggia è stata condannata.

I consulenti tecnici nominati dal tribunale contestano al laboratorio diagnostico di “non aver correttamente svolto le analisi dei referti prelevati con agobiopsia”.

“L’ospedale o ha commesso un errore diagnostico nell’interpretare le analisi svolte sulla paziente dopo il primo intervento, oppure ha omesso di informare la paziente che le analisi avevano escluso la presenza del carcinoma”, ha concluso il giudice nell’emettere la sentenza.