violenza

Una storia choc arriva da Milano dove, nel 2016, un bambino subiva le violenze sessuali del padre che poi lo costringeva a guardare mentre violentava il cane.

Le indagini sono partite dopo la confessione fatta dal bambino ad un’insegnante. L’uomo, un 37enne, ha cominciato a violentare il figlio dopo essere uscito dal carcere dopo essere stato beccato con venti chili di hashish in auto.

Come scrive Milano Today, condannato a 3 anni di carcere, dopo il ritorno in libertà, ha cominciato a violentare il bambino ad assistere ad atti sessuali tra lui e il cane di famiglia. La moglie, che sapeva tutto, non ha mai denunciato e per leii il tribunale ha disposto una sorveglianza speciale di due anni.

L’uomo, invece, dopo aver scontato la pena, dovrà stare per due anni ad almeno mille metri di distanza dal figlio ed evitare qualsiasi contatto con lui ed iniziare un piano terapeutico.