Maggiore autonomia decisionale per la Regione Lombardia. Questo il referendum richiesto dal governatore della Lega Nord Maroni, che si terrà domenica 22 ottobre. Ecco il testo completo della domanda che il 22 ottobre gli elettori troveranno sulla scheda elettronica, a cui dovranno rispondere SI’ o NO oppure SCHEDA BIANCA.

“Volete voi che la Regione Lombardia, in considerazione della sua specialità, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma, della Costituzione e con riferimento a ogni materia legislativa per cui tale procedimento sia ammesso in base all’articolo richiamato?”

A pochissimi giorni dal Referendum, Roberto Maroni ieri mattina ha presieduto un forum presso la sede dell’agenzia Ansa, nella sede di Milano. Il governatore è intervistato dal direttore Luigi Contu e dai giornalisti dell’agenzia.

“Ci hanno chiesto 3.5 milioni per la sicurezza ai seggi, non è una sorpresa, sapevamo che tutti gli oneri erano a carico delle regioni”, ha detto il presidente delle Lombardia. “Sapevamo che erano a nostro carico, sono costi aggiuntivi che abbiamo messo a bilancio. La vedo come una cosa positiva: se la sicurezza è a carico della Regione vuol dire che lo stato riconosce che la Regione può avere competenza anche sulla sicurezza”, ha aggiunto.

“Mi auguro di aprire la trattativa con il governo in tempi rapidi, già prima di Natale e di chiudere prima delle elezioni politiche”, ha spiegato Roberto Maroni durante il forum con i giornalisti dell’ANSA, spiegando i tempi della trattativa con il governo per l’autonomia in caso di vittoria del Sì al referendum in programma domenica.

“Io – ha aggiunto Maroni al Forum – sono disponibile a chiudere, se Gentiloni ci sta, prima delle politiche perché mi interessa il risultato e non utilizzare questo argomento per la campagna elettorale”. “Mi auguro che Gentiloni abbia un atteggiamento non di parte ma come presidente del Consiglio – ha osservato -, come ho fatto io che ho firmato il patto Lombardia con Renzi a novembre, sapendo che ne avrebbe tratto vantaggio per il referendum del 4 dicembre”

“Sono soddisfatto che 9 lombardi su 10 sanno che c’è il referendum” ha detto Maroni, citando una recente rilevazione sul referendum. “Per me la cosa principale è far sapere che il 22 ottobre c’è il referendum, e noi ci siamo attivati per questo”, ha sottolineato. Comunque, “qualunque dato di affluenza ci sia, io andrò a Roma più forte che senza il referendum”. Il 34% indicato ieri come obiettivo ideale, ha concluso, significa che “se vanno al voto 2,5 milioni di cittadini è comunque più degli abitanti” di tante Regioni italiane