rai

La Rai perde la sfida con canale 5 sia nella sfida della domenica pomeriggio che della domenica serat. Sia Cristina Parodi che Fabio Fazio hanno perso la sfida contro Barbara D’Urso e Gianni Morandi che hanno trionfato con Domenica Live e L’isola di Pietro.

La prima puntata di Domenica In, condotta da Cristina Parodi con la collaborazione della sorella Benedetta, ha incollata davanti ai teleschermi solo 1.706.000 spettatori pari ad uno share del 12.3%. Domenica Live, invece, continua a far registrare ottimi ascolti: nella presentazione 2.194.000, 13.67%, nel segmento Politica e Attualità 2.439.000 telespettatori, share 17.36%, nel segmento Storie 2.414.000, 19.07% e nella prima parte 2.537.000, 20.74%, nella seconda 2.761.000, 20.90%.

“Una trasmissione a dir poco deprimente. Mi vergogno di essere stato direttore di Rai uno. Sono pensionato, vivo in Portogallo e di tanto in tanto mi sintonizzo su Rai uno. Oggi, guardando Domenica In mi è venuto un attacco di bile, e lo dico prima degli ascolti. Una trasmissione senza capo nè coda, senza un filo logico, senza idee. Poi la conduzione… Se Cristina è una professionista, Benedetta non può fare TV. Non dimentichiamo che Domenica In è stata condotta da professionisti come Corrado, Baudo, Carrà… Fa male al cuore dopo aver diretto Rai Uno per tanti anni, vederla ridotta così”, afferma Fabrizio Del Noce che boccia la nuova Domenica In condotta dalle sorelle Parodi.

Ascolti ancora in calo per Che tempo che fa di Fabio Fazioda 3 milioni 762mila spettatori contro i 4 milioni 539mila di una settimana fa, quindi circa 800mila in meno, e uno share del 14,89% contro il 18,24 di domenica scorsa. Ancora un calo, dunque, per la trasmissione di Fazio che, dopo il debutto con quasi 5,2 milioni e share del 20,80%, ha fatto registrare un netto calo nelle ultime tre puntate.

“Tre puntate, sempre più giù. Il risultato della strapagata trasmissione di Fabio Fazio è preoccupante: perdere in questo modo la prima serata della domenica è pericoloso” – afferma in una nota l’Usigrai – “un errore grossolano è stato trasferire pari pari una formula da RaiTre a RaiUno. Evidentemente il capo della Officina e il suo agente erano troppo impegnati a trattare l’aumento economico per progettare nuove idee per il programma. Lo diciamo oggi per domani: nessuno pensi di scaricare sui lavoratori i danni derivanti da quello che fino a ora è stato un pessimo investimento”.

A trionfare, ieri, è stato Gianni Morandi che, con l’Isola di Pietro, ha incollato davanti ai teleschermi 3.973.000 spettatori pari al 16.6% di share.